Indennizzi automatici dagli operatori di tlc

  logo-fastwebCasa     25,95 euro
solo per pochi giorni!!
offerta limitata! verifica la disponibilità

 logo-vodafone  Internet unlimited 
a   27,99 euro al mese
vai all'offerta

E’ previsto dal prossimo primo aprile, salvo nuove proroghe, l’addebito automatico dell’indennizzo da parte degli operatori di tlc nei casi di malfunzionamento del servizio.
Inizialmente fissata al primo gennaio scorso dalla Delibera n.73/11/Cons, nella quale si definivano i criteri minimi per ottenere i rimborsi, la data è stata prorogata di tre mesi per permettere al tavolo tecnico convocato dall’Agcom di coordinare la fase di attuazione alle nuove disposizioni e di pronunciarsi in merito ad alcune fattispecie di disservizio.

I relativi importi sono già stati individuati ed in vigore per effetto della Delibera sopra menzionata che ha diversificato le varie tipologie di disservizio e previsto una parità di trattamento minimo per tutti gli utenti a prescindere dall’operatore scelto.
Il nuovo regolamento ha introdotto forme di compensazione che generalmente non erano previste dalla Carta dei servizi quali omessa o ritardata portabilità del numero, perdita della numerazione, attivazione di profili tariffari non richiesti e omessa o errata indicazione negli elenchi telefonici.
barra.png

Nel dettaglio le misure di indennizzo previsti per ogni giorno di ritardo:
Omessa o ritardata prima attivazione del servizio: €7,50;
Omessa o ritardata attivazione del servizio per migrazione: €2,00;
Sospensione o cessazione del servizio:€7,50;
-Malfunzionamento del servizio:€5,00;
Omessa o ritardata portabilità del numero:€5,00;
Attivazione o disattivazione non richiesta di cs o cps: 2,50;
Attivazione di servizi o profili tariffari non richiesti:€ 5,00;
Perdita della numerazione per causa imputabile all’operatore:€ 100,00 per ogni anno di precedente utilizzo del numero
Omessa o errata indicazione negli elenchi telefonici pubblici:€200,00 per ogni anno di disservizio
Mancata o ritardata risposta ai reclami:€1,00.

Il cliente sia che abbia un abbonamento residenziale che business e si trova in uno dei casi di disservizio menzionati ha diritto ad un rimborso presentando una formale richiesta all’operatore.
barra.png

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *