Teletu: i nuovi costi di disattivazione e le caratteristiche

  logo-fastwebCasa     25,95 euro
solo per pochi giorni!!
offerta limitata! verifica la disponibilità

 logo-vodafone  Internet unlimited 
a   27,99 euro al mese
vai all'offerta

Articolo aggiornato al 2014
L’Operatore Teletu, rebranding di Tele2 prima che venisse acquistata dalla società Vodafone, ha modificato recentemente le proprie condizioni contrattuali per le proprie tariffe.
Dall’importo di 48€ rateizzato nell’arco di 24 mesi al costo di 2€ mensili si è passati a circa il doppio: 108 € se si sceglie di pagare in rate mensili di 3€ per 36 mesi o 99€ da pagare in un unica soluzione.

Il recesso del contratto prima della scadenza dei due anni implica il pagamento delle rate mancanti come corrispettivo dei costi di disattivazione.
Per esempio il recesso dopo 1 anno di contratto comporta il pagamento della disattivazione di 72€.
Bisogna poi distinguere se la risoluzione del contratto è finalizzata alla cessazione della linea e conseguentemente alla perdita del numero o invece alla migrazione.

Nella prima ipotesi è addebitato un ulteriore importo di 70€ quale costo di disattivazione fissato dall’operatore e pubblicato sul sito aziendale sotto la voce trasparenza.

Nell’ipotesi della migrazione per il profilo voce o voce + adsl i costi di disattivazione richiesti da Teletu ammontano per entrambi i casi a 40€.

Tutti gli importi al pari di quelli per la disattivazione della linea sono fissati discrezionalmente e approvati dall’Autorità.

In base ad una decisione della Direzione tutela dei consumatori i costi del recesso sono dovuti quando connessi alla lavorazione della pratica secondo un criterio di causalità economica e pertinenza.

D’altro canto l’approvazione dei costi di migrazione da parte dell’Autorità legittima la richiesta degli operatori generando un grado di incertezza in merito all’applicazione del Decreto Bersani.
La durata del contratto diventa il criterio ultimo per stabilire quando i costi del passaggio di operatore sono dovuti.
Dopo la scadenza del contratto l’utente ha diritto di vedersi riconosciuto il passaggio senza oneri aggiuntivi e se fossero addebitati deve contestarli in prima istanza all’operatore e in seconda istanza promuovendo un tentativo di conciliazione al Co.re.com.
Se il contratto ha durata illimitata, decorsi 2 anni l’operatore si è rifatto dei costi sostenuti per l’attivazione del servizio ed è legittimo contestare la fattura tramite raccomandata a/r.
Il costo addebitato per il cambio di operatore entro i 2 anni è da ritenersi legittimo.

Teletu è stata più volte sanzionata dall’Autorità per le Garanzie nelle Telecomunicazioni per aver imposto i costi di disattivazione ai propri clienti che lasciavano Teletu per un altro Gestore.
Costi che non erano dovuti perchè, secondo quanto disposto dal Decreto Bersani, non corrispondevano a spese effettivamente sostenute dall’Operatore.

Con le nuove disposizioni Teletu ottempera alle diposizioni legislative, fa chiarezza sui costi che sono applicati e mette in pratica il principio di trasparenza contrattuale.

Le nuove condizioni si applicano ai nuovi contratti mentre per quelli stipulati nel periodo antecedente rimangono in vigore le vecchie disposizioni.

Le offerte sottoscrivibili con il contributo di attivazione sono quelle previste per il profilo voce flat “Senza pensieri” e “Mini” con scatto alla risposta di 18 cent./€,
Adsl e voce “Tutto compreso” flat e “Tutto per te” con lo scatto di 18 cent./€
e per il profilo “Adsl senza limiti” senza la linea voce.

130 commenti su “Teletu: i nuovi costi di disattivazione e le caratteristiche”

    1. Gentile Gabriele,
      il recesso lo può fare il titolare della linea il quale venuto meno non può più esercitare tale opzione.
      Pertanto chi è erede deve chiedere il subentro della linea per decesso del titolare e successivamente chiedere la cessazione della linea.
      Questo sarebbe l’iter corretto da seguire.

      I costi di cessazione sarebbero comunque dovuti non essendo l’evento del decesso tra le cause di esclusione dei costi di disattivazione.

      Ti consiglio in ogni caso di chiedere a qualche associazione di consumatori se ci sono procedure alternative da seguire in questi casi-

      Per altre informazioni contattaci
      Saluti
      Staff Trovatariffe

  1. Salve, volevo sapere cosa sono gli oneri di riattivazione. Io ho fatto la disdetta e devo pagare 72 euro di cui 6,10 sono “addebito oneri di riattivazione”. Io non ho fatto alcuna richiesta di riattivazione per cui non vorrei che mi riattivassero il servizio senza il mio consenso.
    Grazie anticipate…

    1. Gentile Salvatore,
      non mi è capitato o non ricordo di aver avuto a che fare con tale voce quando si disdice il contratto. Dovrebbe contattare il servizio clienti Vodafone per chiedere chiarimenti in merito ed escludere così eventuali disguidi che potrebbero essere incorsi.

      Per altre informazioni ci contatti,
      Staff Trovatariffe

  2. Salve ho disdetto la linea adsl con tele tu senza migrazione e mi vedo arrivare una bolletta di 130 euro….leggendo le vostre risposte mi pare di capire che solo 70 sarebbero dovute.
    A questo punto visto che mai più mi legherò ad una contratto con questi pirati di nessun marchio….tento una domanda che so di difficile risposta in quanto cerca una complicità che non potete certo appoggiare….ma ci provo e senza amareggiarmi con lettere raccomandate o serate davanti al pc per risolvere questo ladrocinio….sarò diretto!!! e se non pago? che succede?….grazie

  3. salve vorrei avere un chiarimento.ho cambiato operatore telefonico : da teletu a tim. ho capito che mi toccherà per forza pagare i 70 euiro per la disattivazione però mi chiedo : se contrattualmente è previsto che la mia domanda di distacco venga lavorata in 30 giorni , perchè l’operatore mi ha detto che bisogna considerare i giorni lavorativi e quindi si arriverà sicuramente al mese e mezzo. è normale che mi si chieda di pagare un bimestre a vuoto?
    e poi col giochino del bimestre di voce e adsl scaglionato in bolletta in maniera diversa( tipo voce dicembre/gennaio e adsl novembre /dicembre) ipotizzando un distacco alla fine di ottobre , che cosa sarei tenuta a pagare?

    1. Gentile Francesca,
      credo che lei abbia fatto la disattivazione del servizio ma poteva fare il passaggio da Teletu a Tim comunicando il codice di migrazione per non perdere la numerazione della linea e la possibilità di pagare di meno. Il costo previsto nella migrazione è di 40 euro rispetto ai 70 della disattivazione.

      Il Decreto Bersani dispone che in caso di recesso l’operatore deve provvedere entro 30 gg. dalla richiesta del cliente. Non è specificato giorni lavorativi per cui si devono intendere solari ed è errata l’interpretazione data a lei dall’Operatore.
      Sul fatto della differenzazione del periodo di fatturazione credo che sia dovuta all’attivazione non contestuale dei due servizi. In ogni caso quando verrà a cessare la linea, la fattura dovrà essere riferita fino a tale data per entrambi i servizi.

      Per altre informazioni ci contatti
      Saluti
      Staff Trovatariffe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *