Quando recedere da un contratto concluso on line senza pagare la penale

  logo-fastwebCasa     25,95 euro
solo per pochi giorni!!
offerta limitata! verifica la disponibilità

 logo-vodafone  Internet unlimited 
a   27,99 euro al mese
vai all'offerta

Dopo la conclusione del contratto on line con l’Operatore Telefonico, l’utente ha un termine di tempo entro cui può recedere dal contratto senza pagare nessuna penale e con la restituzione di quanto anticipato.

Trova applicazione il Decreto Legislativo n. 206 del 2005 del Codice del Consumo che regolamenta il recesso per i contratti e per le proposte contrattuali a distanza ovvero negoziati fuori dai locali commerciali.
L’art.64 del Decreto come modificato da succ. modifiche dispone quanto segue:”il consumatore ha diritto di recedere senza alcuna penalità e senza specificarne il motivo, entro il termine di 14 giorni lavorativi

Aggiunge nel successivo secondo comma “Il diritto di recesso si esercita con l’invio, entro i termini previsti dal comma 1, di una comunicazione scritta alla sede del professionista mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento. La comunicazione può essere inviata, entro lo stesso termine, anche mediante telegramma, telex, posta elettronica e fax, a condizione che sia confermata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro le quarantotto ore successive; la raccomandata si intende spedita in tempo utile se consegnata all’ufficio postale accettante entro i termini previsti dal codice o dal contratto, ove diversi. L’avviso di ricevimento non è, comunque, condizione essenziale per provare l’esercizio del diritto di recesso.”

La norma pertanto fissa in 14 giorni, salvo un termine maggiore stabilito nel contratto, il limite entro cui il cliente può recedere dal contratto senza pagare nessuna penalità. La modalità di esercizio del recesso è la lettera raccomandata con avviso di ricevimento da inviare alla Direzione commerciale dell’Operatore seguendo lo schema dei modelli precompilati.

Obblighi delle parti:
– l’utente deve restituire gli eventuali beni ricevuti (modem in noleggio, telefono) secondo le modalita’ previste dal contratto (il termine, in questi casi, non puo’ essere inferiore ai 10 giorni).
E’ essenziale, in questi casi, che il bene risulti integro, in “normale stato di conservazione”.
Le spese di restituzione sono a carico dell’utente.

-il gestore deve restituire tutte le somme eventualmente incassate entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione inerente il recesso.

Con l’esercizio del diritto di recesso il contratto perde efficacia legale.
L’Operatore che non disattiva tempestivamente il servizio, quindi, non puo’ addebitare alcun importo per le prestazioni eventualmente adempiute dalla data in cui questo e’ efficace.
In caso di violazione di questa disposizione il gestore e’ punibile con una sanzione amministrativa pecuniaria variabile da euro 12.000 ad euro 250.000.

La rescissione senza penali e’ inoltre sempre possibile qualora sussista l’oggettiva impossibilita’ di attivare il servizio.
barra.png
CONTROVERSIE
Per eventuali controversie sui servizi di comunicazione elettronica, l’utente è obbligato a rivolgersi ai Corecom regionali per tentare una conciliazione.
Per approfondire l’argomento leggi qui

Alcuni consigliano di tutelarsi con il preventivo invio di una messa in mora dell’Operatore per impostare fin da subito la contestazione in modo formale, e poi ricorrere presso il giudice di pace qualora la conciliazione non si concludesse in modo positivo.

Fonti:
Decreto Legislativo 1° agosto 2003, n.259
Decreto Legislativo – 06/09/2005 , n. 206
Delibera Agcom n. 664/06/CONS Allegato A
D.Lgs. 21 febbraio 2014, n. 21

215 commenti su “Quando recedere da un contratto concluso on line senza pagare la penale”

  1. Buongiorno, avrei gentilmente bisogno di un vostro consiglio . Ho esercitato il diritto di ripensamento di un contratto stipulato al telefono con un operatore Vodafone. Ieri mi chiama un operatore e mi conferma che hanno ricevuto la pec e che le procedure di portabilità non sono ancora avvenute e quindi tutto dovrebbe concludersi con esito positivo e dovrei rimanere con il mio vecchio operatore. L unica cosa mi dicono che verrò ricontatta nei prossimi giorni per registrare una telefonata per il recesso. È opportuno rispondere a questa telefonata perché non vorrei commettere altri errori o basta la PEC inviata? Grazie

    1. staff trovatariffe

      Gentile Martina,
      la pec che ha inviato è equiparata alla raccomandata postale con ricevuta di ritorno,quindi è valida a manifestare il diritto di ripensamento senza ulteriori adempimenti a suo carico. Può pertanto, rifiutarsi di essere contattata telefonicamente.

      Per altre informazioni ci contatti,
      Staff Trovatariffe

  2. Buongiorno,

    10 giorni fa sono passato da ADSL WindTre a fibra misto rame Fastweb. Wind Tre ha chiamato oggi, facendo una proposta allettante, e ho pensato di sfruttare il periodo di 14 giorni per fare il recesso con Fastweb. Tuttavia, Wind Tre mi ha inviato il contratto ed è totalmente sbagliato. Essendo irritato per aver dato una seconda chance che hanno sprecato e soprattutto per il fatto che non rispondono alle mie chiamate, voglio recedere dal nuovo contratto con Wind Tre e rimanere con fastweb. Basterà rifiutare il modem quando mi verrà consegnato o semplicemente dirlo all’operatore quando chiamerà per accordarsi sulla consegna del modem? Grazie!

    1. staff trovatariffe

      Gentile Samuele,
      rifiutarsi di accettare il modem non è sufficiente a recedere dal contratto. E’ importante manifestare la volontà di recedere espressamente nelle modalità previste dall’Operatore così come indicate nel modello di recesso:
      – lettera raccomandata A/R al seguente indirizzo: WindTre S.p.A. – CD MILANO RECAPITO BAGGIO – Casella Postale 159 – 20152 Milano (MI)
      servizioclienti159@pec.windtre.it
      – punto vendita WINDTRE di proprietà
      – chiamata al 159

      Se scegli l’ultima opzione esigi dall’Operatore che sia registrata la tua dichiarazione di recesso salvo che non sia stabilito altrimenti.

      Il modello di recesso da eserctare entro 14 gg. puoi scaricarlo a questo linklink

      Per altre informazioni contattaci

      Staff Trovatariffe

  3. Salve, a gennaio di quest’anno il mio operatore mobile (fastweb) ha deciso di portare la mia offerta da 6 a 8€ al mese! Infastidito da questo aumento ho deciso di cambiare operatore portando il mio numero su di un offerta apparentemente più vantaggiosa con praticamente le stesse condizioni (in realtà anche meglio) al costo di soli 5€! (very mobile)!! Convinto di aver fatto una mossa furba, attivo la nuova sim e aspetto il passaggio del numero per sostituirla definitivamente alla vecchia scheda e tariffa (2 giorni)!… ahimè, non avevo fatto i conti con la ricezione del segnale, praticamente non sono più raggiungibile nella zona in cui vivo, anche se mi da una tacca di segnale comunque risolto irraggiungibile a chi mi chiama! Sono tre giorni che sto in questo stato e vorrei tornare sui miei passi annullando tutto. Per ora ho solo sentito l’operatrice del mio nuovo gestore telefonico che mi ha consigliato di effettuare un nuovo cambio aderendo ad altra offerta che mi aggrada (potendo andare via senza vincoli), il problema è che mi sono reso conto che dopo tutto la mia vecchia offerta resta una buona offerta per me , ma il mio vecchio operatore ha sostituito l’offerta con una al costo di 10€ con consumi maggiori che a me non servono! Come posso far valere il mio ripensamento da entrambe le parti?
    grazie in anticipo.

    1. staff trovatariffe

      Gentile Valerio

      il diritto di ripensamento va esercitato entro un termine perentorio e limitatamente ai contratti stipulati a distanza.

      Nel tuo caso lo puoi far valere con very mobile, se sono rispettati i termini mentre con Fastweb è diverso. Con questi tu hai esercitato il recesso per cui non si applica la disciplina del ripensamento. In alcune situazioni si potrebbe chiedere l’annullamento del recesso quando ancora è in fase di lavorazione la pratica. Non mi sembra che sia il tuo caso.

      Ti rimane la possibilità di ricontattare nuovamente Fastweb per chiedere delle offerte dedicate ai vecchi clienti o per quelli che provengono da un mvno.

      Per altre informazioni contattaci-

      Staff Trovatariffe

  4. Adriano Mamone

    Avevo un contratto annuale licensed con zoom il 15/04/2020, ma l’ho disdetto il giorno stesso dopo aver saputo il servizio era fonte di virus informatici. Ho cancellato il contratto, ma non ho ottenuto il rimborso. Secondo le condizioni di contratto https://zoom.us/terms si può cancellare il servizio, ma non ottenere il rimborso. In questo caso potrei avvalermi della legge qui descritta ? Grazie per la disponibilità e gentili saluti,
    Adriano Mamone

    1. staff trovatariffe

      Gentile Adriano,

      ci sottoponi un caso “limite” che va al di fuori della nostra abituale consulenza destinata soprattutto ai contratti stipulati con gli Operatori telefonici.
      Premesso ciò proviamo lo stesso a fare alcune considerazioni.
      Il contratto che hai sottoscritto on line è stipulato con un’azienda estera per cui si applica la normativa dello stato in cui risiede l’azienda, California. Inoltre nello stesso contratto non è previsto la restituzione della somma pagata in caso di ripensamento.

      Ragione per cui riteniamo che non si possa chiedere l’applicazione della normativa italiana.

      Per altre informazioni contattaci

      Staff Trovatariffe

  5. Buona Sera, giorni fa, esattamente il 31/ottobre/2019.
    Ho concluso telefonicamente un contratto fibra con fastweb. Il 4 novembre chiamo per un’informazione e mi dicono che non avevano ancora inserito il contratto e alle mie domande l’operatore sembrava seccato sembrava che gli stessi chiedendo chissà cosa.
    Ho deciso che se il buongiorno si vede dal mattino………..
    Il giorno stesso mi arriva la proposta di abbonamento da firmare. Immediatamente tramite Pec ho inviato il mio rifiuto. Dopo 2 giorni mi inviano una email dove sono indicati user password per accedere alla My fastpage.
    Non ho eseguito nessun accesso. Ho rimandato una PEC con queste:
    Barletta 06/novembre/2019
    Spett.le
    FASTWEB S.P.A.
    CASELLA POSTALE 126
    CAP 20092 CINISELLO BALSAMO – MILANO

    In riferimento alla Vostra Proposta di abbonamento del 06/11/2019
    Offerta Residenziale Codice proposta commerciale Fisso: FWD.0004……..
    Codice Venditore: DR…………..
    Come vi ho già comunicato con la PEC del giorno 04/novembre/2019 dove rifiutavo la proposta del giorno 31/ottobre/2019 ribadisco che non intendo accettare la Vostra gentile proposta.

    Nome Cognome
    Codice Fiscale:
    Via
    Città

    Distinti Saluti Firma
    06/novembre/2019
    Ovviamente firmato
    Allegato documento, C.F. e la proposta di contratto che mi hanno inviato con testo filigrana scritto RIFIUTO.
    Adesso continuano ad arrivare SMS Gentile cliente la invitiamo ad accedere etc. etc.
    Cortesemente, volevo, se è possibile, sapere come mi devo comportare.
    Ho provato e riprovato a contattarli ma niente.
    Intanto Grazie e buon fine settimana
    Gianni

    1. Gentile Gianni,
      non aver accettato la proposta contrattuale dovrebbe impedire il perfezionamento del contratto. Bene sarebbe stato se avessi inoltrato anche una lettera di ripensamento del contratto registrato telefonicamente per non dare adito ad interpretazioni da parte loro sulla validità del contratto.

      Fastweb ha un servizio clienti attivo su Facebook e Twitter a cui è possibile rivolgersi per segnalazioni.
      Per altre informazioni contattaci-

      Grazie e buon fine settimana anche a te,
      Staff Trovatariffe

      p.s.
      Nell’eventualità di voler sottoscrivere un nuovo contratto fibra puoi utilizzare il ns, servizio di comparazione e sottoscrivere l’offerta on line. In questo modo ci aiuti a migliorare il nostro servizio che riguarda anche le tariffe mobile, energia e gas e assicurazioni-

  6. Salve ho scelto di passare da tim a fastweb per un contratto più vantaggioso. Per 2 volte la registrazione vocale non va a buon fine e non ricevo contratto via mail. La terza volta va a buon fine richiedo internet più telefono e dichiarò fi non volere la sim mobile proposta senza trasparenza nelle precedenti registrazioni. Mi arriva in tempo reale il contratto via mail con internet più telefono come richiesto. Ma sorpresa dopo 2 ore arriva un contratto con sim mobile. Il giorno dopo invio raccomandata con diritto di ripensamento e chiamo la telecom per esprimere la volontà di non recedere fal contratto inviando fax con copia della raccomandata e della ricevuta. Come procedere?Quali sono i miei diritti

    1. Gentile Tina,
      ha esercitato il diritto al ripensamento e la ricevuta è la prova da esercitare nel caso Fastweb attivasse indebitamente la linea o le imputasse dei pagamenti. La prova va fatta valere contestando con raccomandata eventuali pretese ritenute indebite dell’Operatore.

      Per altre informazioni ci contatti,
      Staff Trovatariffe

  7. Ieri 8 marzo ho accettato contratto telefonico a distanza ma non lo voglio più voglio rimanere con il mio operatore senza perdere numero come fare

    1. Gentile Rosetta,
      comunichi all’operatore con cui ha stipulato il contratto la volontà di esercitare il diritto al ripensamento secondo quanto stabilito dalla normativa di riferimento.
      La lettera da inviare tramite raccomandata può scaricarla dal sito Trovatariffe

      Con la migrazione comunque non perde la numerazione relativa alla sua linea.
      Per altre informazioni ci contatti,
      Saluti
      Staff Trovatariffe

  8. Salve vorrei chiedere un’informazione.

    Vi spiego la mia situazione:

    1) Il giorno 14/05/2015 ho firmato un contratto con la Vodafone per la linea fissa.

    2) Mi è arrivata la Vodafone Station il giorno 03/06/2015.

    3) Il giorno 07/07/2015 ho provveduto a inviare raccomandata con ricevuta di ritorno per disdire il contratto poichè dopo due mesi ancora dovevano attivarmi la linea e quindi mi ero stancato di aspettare. Inoltre ho inviato richiesta di annullamento anche online.

    4) Il giorno 08/07/2015 ho provveduto a rispedire tutto il materiale indietro (Vodafone Station)

    Ora, siccome io NON HO MAI USUFRUITO DELLA LINEA VODAFONE, visto che come dicevo NON MI E’ STATA MAI attivata, e avendo intanto nel periodo di attesa usufruito della linea del mio vecchio operatore, ripeto SENZA AVER MAI USUFRUITO dei servizi Vodafone (non ho mai installato la Vodafone Station..in pratica è come se non l’avessi mai avuta, non avendola nemmeno aperta dalla scatola), secondo voi vado comunque incontro lo stesso a qualche penale avendo superato i 14 giorni di tempo, ma comnque non avendo mai usato i loro servizi?

    Premetto che in questo periodo ho anche ricevuto a casa una bolletta del deposito cauzionale che non ho pagato avendo deciso di recedere dal contratto, e avnedo comunicato la mia intenzione di non pagare anche ad un operatore.

    Grazie

  9. Salve!! io ho sottoscritto una proposta di contratto telecom. l’operatore mi ha detto che sarebbe inviata una conferma telefonica. mi hanno chiamato ma io non ho confermato perchè ci ho ripensato. mi hanno chiamato per tre giorni di fila e tutte le volte ho detto no. Devo cmq mandare la raccomandata? Grazie.

  10. Salve io ho sottoscritto un contratto con Fastweb il 27/05/2015 ma a oggi non è stato attivato il servizio aspetto una chiamata da un tecnico Telecom per attivare il servizio facendo diverse segnalazioni!! Mi sono stufato di aspettare posso recedere il contratto senza pagare penali?? Grazie anticipatamente.

  11. SALVE, ho intenzione di recedere dal contratto con FASTWEB attivo da 4 anni e non migrare ad altro operatore. Ho dei costi da pagare per la disattivazione? GRAZIE per l’attenzione e l’aiuto.

    1. Gentile Federica,
      la disattivazione del contratto senza contestuale migrazione comporta dei costi più elevati che variano da 86,13 euro a 76,37 euro in base al titolo di possesso degli apparati,modem ecc., chepossono essere stati acquistati o presi a noleggio.
      In quest’ultimo caso si ricordi di restituirli entro 45 gg. dalla disattivazione della linea presso un centro Telis.

      Per altre informazioni contattaci,
      saluti,
      Staff Trovatariffe

  12. Buongiorno,
    Mi scuso per i dati inseriti prima, ma questa mattina ho recuperato il cartaceo che non trovavo, la situazione reale è questa: ha fine ottobre ho firmato in casa una proposta di passaggio in Telecom, a novembre sono stato contattato da Infostrada che mi ha fatto una proposta per rimanere con loro. Io ho accettato. Il 18 novembre ho mandato una A.R. di ripensamento a Telecom, loro comunque hanno provveduto all’attivazione della linea il 25 novembre come si evince dal “contributo attivazione linea telefonica” (97,60 euro) che mi chiedono in fattura, con la scusa che ho cessato anticipatamente prima della scadenza il contratto e spese di disattivazione (35,18 euro) e in più le spese per il canone (31,81).
    Per ritornare a Infostrada ho dovuto chiedere il codice migrazione.

    1. Dalla data della firma, come le ho risposto nel precedente post, decorre il periodo dei 14 gg. lavorativi per il ripensamento.
      Se dal conteggio dei 14 gg. è compreso il 18 novembre lei risulta essere nei termini per il ripensamento. Pertanto è legittima la sua pretesa a vedersi annullare le fatture.
      Diversamente, scaduto il termine prima del 18 novembre, è tenuto a pagare i costi che le vengono addebitati.
      Saluti
      Staff Trovatariffe

    1. Gentile Antonio,
      il contratto da lei stipulato rientra nella tipologia dei contratti per i quali si può esercitare il diritto al ripensamento entro 14 gg. ma nel suo caso risulta scaduto il termine.

      Infatti nelle Condizioni regolanti il rapporto è stabilito che il contratto si perfeziona, salvo casi specifici, con l’accettazione di Telecom Italia della richiesta del Servizio. Successivamente è specificato che “Telecom Italia avvia i processi tecnico-funzionali relativi all’attivazione del servizio, salvo casi specifici, dal giorno della strong>conclusione del contratto”

      Si può desumere che la conclusione coincide con la sottoscrizione avvenuta in presenza del rappresentante presso il domicilio e da questo decorre il periodo dei 14 gg. per esercitare il ripensamento. Scaduto il quale, il recesso comporta l’addebito dei costi per la chiusura del contratto.

      Anche se non è stato attivato il servizio adsl questo non legittima il recesso del cliente in quanto itempi massimi per l’attivazione possono essere fino a 60 g.

      Saluti
      Staff Trovatariffe

      P.S.
      la sottoscrizione ad un abbonamento adsl e telefono è vantaggiosa se eseguita attraverso il servizio on line di Trovatariffe, dai link della pagina di comparazione.
      In questo modo possiamo migliorare il servizio offerto!

  13. a dicembre 2014 ho firmato in casa con un consulente Telecom una “Proposta di passaggio in Telecom Italia” il servizio mi è stato attivato il 3 gennaio 2015 ho mandato lettera di ripensamento con A.R. il 18 gennaio sono nei tempi per non pagare la fattura che continuamente Telecom mi invia con l’ultima che mi intimidisce con la dicitura che si rivolgeranno ad un’agenzia recupero crediti.
    Grazie

  14. Salve.Avevo un contratto con tiscali da dicembre 2011. A dicembre 2013 scadevano i due anni a la tariffa di cui usufruivo. Tiscali mi ha fatto la proposta di passare ad un’altra tariffa per restare con loro. poiché avevo spesso disservizi, a gennaio 2015 ho deciso di passare a wind. Ora Tiscali mi chiede costi per disattivazione anticipata, cioè per loro i 2 anni ripartivano dal rinnovo del contratto. Cosa devo fare?

    1. Prima di rispondere alle domande vi rivolgo un invito a firmare la petizione del servizio Trovatariffe per chiedere agli Operatori di predisporre dei contratti di breve durata. Grazie!

      Gentile Marina,
      La sua situazione è complessa.
      In teoria Infostrada non avrebbe dovuto procedere nel trasferimento per la saturazione di linea. Inoltre la Telecom che provvede a dare l’ok definitivo al trasferimento doveve bloccare il passaggio.
      Se Telecom le ha disattivato il servizio ha bisogno di avere il codice di migrazione che attualmente non è nella disponibilità di Infostrada dato che non riesce ad attivare il servizio per impossibilità tecnica.

      Per cui se non riesce a superare la situazione di stallo, può prendere in considerazione di attivare le procedure d’urgenza davanti al Co.Re.Com.

      Con il formulario GU5 chiede di riattivare la linea con la Telecom e contestualemnte presenta il formulario UG per chiedere di risolvere il contratto con infostrada per impossibilià di attivare il servizio. E’ bene citare nel formulario Ug sia Infostrada che Telecom per evitare un rimpallo di responsabilità su chi non partecipa alla conciliazione.

      Gentile Simona,
      il periodo di due anni a cui fà riferimento è quello della promozione che segue un iter diverso dal contratto di abbonamento.
      Le condizioni che regolano il contratto prevedono una durata illimitata e dei costi per il recesso distinto per migrazione o per la cessazione della linea.
      Per cui se i costi che le sono stati addebitati corrispondono a quelli indicati nel contratto sono legittimi. In caso fossero difformi li contesti per la parte eccedente.
      Gli importi sono pubblicati sul sito trova tariffe e sul sito dell’Operatore.

      Saluti a tutti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

      P.S.
      la sottoscrizione ad un abbonamento adsl e telefono è vantaggiosa se eseguita attraverso il servizio on line di Trovatariffe, dai link della pagina di comparazione.
      In questo modo possiamo migliorare il servizio offerto!

  15. Salve,
    Ho attivato tramite contratto telefonico un abbonamento infostrada,dopo avere inviato via fax la proposta di contratto firmata sono stata contattata da un tecnico che mi informava del mancato spazio in cabina, dietro consiglio di unoperatricie infostrada ho mandato un email di disdetta del contratto causa problemi tecnici. Ho contattato il mio vecchio gestrore Telecom per informarli che nn sarei piu voluta passare ad infostrada e la centralinista mi ha assicurato che l avrebbe segnalato. Ricontattata dall infostrada ho riconfermato la volontà di recedere dal contratto. Ora però sono 7 gg che non ho linea ne fissa ne adsl dato che la telecom mi ha staccato la linea. l infostrada da contro mi informa che il termine ultimo di attivazione e il giorno 27 c.m. ora dato che non sono ancora passati i 14 giorni posso applicatare il diritto di recesso x infostrada e tornare in Telecom ? Qula ora non fosse possibile come mi devo comportare se entro il 27 c.m. sono ancora senza linea Non avendo piu cidice di migrazione?

  16. Manzone Irene

    Buona sera,dal 6 febbraio 2015 ho effettuato dopo sette anni un cambio di telefonia,sono passata da Telecom Italia a Vodafone.
    Ero a conoscenza della regola che dopo due anni non esisteva nessuna penale per la migrazione,mentre proprio oggi ho visionato in internet la mia fattura di Telecom e mi addebitano € 35,18 per costi disattivazione. Segnalo inoltre che mi fanno pagare la linea telefonica fino al momento in cui il n° telefonico (quello già esistente) non e’ diventato definitivo.Vodafone aveva dato un n° provvisorio ma non so a cosa servisse ,perché tutti mi hanno chiamato sempre al numero originale,mentre la linea internet e’ stata definitiva dal 6 febbraio. Dovrò pagare per la telefonia Voce dal 6 al 17 tutte e due le società?
    E per la disattivazione da pagare come mi devo regolare? Io vorrei non pagarla.
    Rimango in attesa di Vostri suggerimenti,ringrazio e porgo cordiali saluti.

    1. Prima di rispondere alle domande vi rivolgo un invito a firmare la petizione del servizio Trovatariffe per chiedere agli Operatori di predisporre dei contratti di breve durata. Grazie!

      Gentile Vincenzo,
      Vodafone stabilisce un termine massimo di 60 gg. solari per l’attivazione dell’accesso ad Internet e 20 giorni solari per il servizio voce fornito all’utente in ull.

      Il ripensamento è gratuito se recede entro 14 gg. lavorativi dalla consegna degli apparati. Altrimenti va incontro ai costi per la decadenza dalla promozione e di migrazione.

      Gentile Giovanni,
      hai fatto bene a inviare un’altra raccomandata solo che avresti dovuto anche contestare l’importo della fattura per sospendere i termini di pagamento. La raccomandata che hai inviato a suo tempo per il ripensamento è una prova documentale da allegare alla domanda per non pagare i costi di disattivazione.

      Io ti consiglio di fare un reclamo per contestare l’importo così da evitare l’intervento della società di recupero crediti fino a quando non si accerta la situazione.
      Se l’Operatore non accoglie il tuo reclamo hai la possibilità di rivolgerti al Co.re.com.

      Gentile Fabio,
      In base alla carta dei servizi sono previsti 60 gg. di tempo massimo per l’attivazione della fibra superato il quale è riconosciuto un indennizzo di 5 euro per ogni giorno lavorativo di ritardo nell’attivazione fino ad un masimo di 100 euro
      Il recesso esercitato dopo la conclusione del contratto comporta l’addebito dei costi di disattivazione e della penale.

      Per non pagare tali oneri puoi avvalerti dell’istituto dell’intimazione ad adempiere per risolvere il contratto. Il procedimento si articola in due fasi.
      Nella prima chiedi all’Operatore con una intimazione di attivare il servizio entro 48h altrimenti ti rivolgerai al Co.re.com. per la risoluzione del contratto.
      Nella seconda in caso di mancato adempimento dell’intimazione presenti richiesta al Co.re.com.per la risoluzione senza penali e costi di disattivazione

      L’alternativa potrebbe essere quella di recedere dal contratto attuale per ripensamento sulla base delle disposizione dell’Agcom che stabiliscono che il contratto non è concluso fino a quando il cliente non abbia firmato nessun documento.
      E’ un’ipotesi che solleverebbe contestazioni da parte di Fastweb per contravvenire alle clasuole del contratto e pertanto dovresti successivamente rivolgerti al Co.re.com per far valere le tue ragioni.

      Gentile Manzone Irene,
      La regola dei due anni è cambiata e adesso la Telecom chiede un importo fisso a prescindere del tempo contrattuale trascorso.
      L’importo è dovuto se le è stata notificata la comunicazione delle modifiche contrattuali avvenuta circa nel 2013.

      Il numero provvisorio di Vodafone le viene assegnato fino a quando non si è perfezionato il passaggio dell’accesso ad internet. La fattura di Telecom deve computare il periodo fino al quale è avvenuto il distacco della linea per effetto della migrazione. Addebiti per periodi superiori sono contestabili.
      Per altre informazioni contattateci
      Antonio
      Staff Trovatariffe

      P.S.
      la sottoscrizione ad un abbonamento adsl e telefono è un operazione facile e comoda attraverso il servizio on line di Trovatariffe, dai link della pagina di comparazione.
      In questo modo possiamo migliorare il servizio offerto!

  17. Salve, ad ottobre ho chiesto un rientro in telecom aderendo all’offerta tuttofibra. ad oggi il servizio non è ancora stato attivato. a questo punto non voglio più diventare loro cliente e vorrei annullare l’attivazione. loro dicono che devo fare una raccomandata di disdetta… ma io non sono ancora loro cliente… non ho un codice cliente… cosa posso fare? grazie anticipatamente

  18. Buongiorno, per varie vicessitudini ho disdetto fa fastweb entro 14gg dell’attivazione del contratto, ma nonostante tutto mi ritrovo una fattura di 145 euro tra penale e distaccamento della linea, contatto il servizio clienti tramite Facebook e mi rispondono che tali spese sono dovute perché dopo aver mandato la raccomandata ho fatto portabilita ad altro operatore…. ho letto nella carta servizi ma di tutto questo non c’è scritto nulla. Sapete consigliarmi cosa fare? Nel frattempo ho mandato altra raccomandata per ulteriori chiarimenti.grazie

  19. Buongiorno, chiedo se qualcuno a mai recesso da vodafone per mancata attivazion da oltre 30 giorni lavorativi, e se in questo caso ci sono eventuali spese di recesso.
    Grazie

  20. Buongiorno, ho bisogno di un chiarimento..ho prenotato con una agenzia di viaggi il mio viaggio di nozze circa un mese fa..ma il contratto mi è stato mandato via mail e non è stato firmato ne da me ne dall agenzia..ho dato loro 500 euro di acconto..ma adesso credo di aver sbagliato viaggio..presa dalla foga ho prenotato via mail e mandato acconto e ora sono pentita..l agenzia mi ha detto che su un totale di circa 6000 euro di viaggio ci sarebbero circa 2000 euro di penale..ora mi chiedo..è valido un contratto inviato via mail che non contiene firme? è possibile retrocedere..anche perdendo i 500 euro già inviati? oppure non si può piu fare nulla? aiutatemi perfavore..grazie in anticipo.

  21. Gentili vorrei una delucidazione, un chiarimento in merito ad una cosa che non mi e’ chiara. Ho fatto richiesta di rientro in Telecom italia, il contratto sembrava tutto rose e fiori, attivato il servizio dopo quasi un mese e precisamente il 30/01/2015 mi rendo conto che cosi non e’ e mancano addiorittura dei servizi come la visualizzazione del numero chiamante per me importante , Telecom italia per questo servizio mi chiede 2 euro al mese mentre l’operatore telefonico mi diceva che tale servizio era incluso poiché tutti gli operatori, oggi non lo fanno pagare. Posso recedere dal contratto senza penalità? i famosi giorni per il ripensamento partono dall’attivazione del servizio? vi prego di rispondermi grazie mille.

    1. @ Gentile Giovanni,
      sulla base delle nuove condizioni contrattuali di Telecom la conclusione del contratto “si perfeziona, salvo casi specifici, con l’accettazione da parte di Telecom della richiesta del Servizio nella soluzione di offerta prescelta dal Cliente”. L’accettazione da parte di Telecom si dovrebbe perfezionare con la comunicazione al cliente, solitamente per email, nella quale conferma il piano tariffario prescelto.
      Le procedure tecnico amministrative dell’attivazione vengono ritardate appositamente di 14 gg. per permettere al cliente di ripensarci. Trascorsi i 14 gg. Telecom provvede all’attivazione del servizio.
      In questo modo non è più esercitabile il diritto di ripensamento scaduto detto termine.
      Se hai aderito ad un servizio diverso a quello che ti era stato proposto puoi aprire una pratica di reclamo e un eventuale contenzioso davanti al Co.re.com.
      Per altre informazioni contattaci
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

      @ Alessandro
      di nulla, inviare la raccomandata ti garantisce di aver maggior tutela.

      Grazie e buona giornata
      da parte mia e dallo Staff di Trovatariffe,
      Antonio

  22. Grazie Antonio, seguirò il tuo consiglio. Ieri sono riuscito a contattare questi signori di Fastweb e mi hanno detto che il mio contratto non gli risulta, forse alla fine non l’hanno attivato dopo che si sono resi conto che non c’era la copertura… Ma io non mi fido e farò lo stesso la raccomandata con il diritto di ripensamento perchè non voglio brutte sorprese. Grazie ancora buona serata

  23. Buongiorno, da 5 settimane ho chiesto attivazione di una nuova linea con Fastweb, dopo vari solleciti mi hanno detto che deve uscire Telecom a fare l’attivazione ma non escono perchè l’indirizzo non esiste… Vero o no mi sono stufato di aspettare invano. Posso procedere all’annullamento della mia richiesta? O il contratto di considera concluso? Nelle condizioni è scritto:
    “si intende concluso con l’accettazione scritta della proposta da parte di FASTWEB”

    1. Salve a tutti,
      @ Sergio
      nei contratti esiste la clausola di risoluzione per impossibilità sopravvenuta quando l’operatore non è in grado di poter attivare il servizio.
      Bisogna fare attenzione perchè alcuni prevedono la risoluzione dell’abbonamento da comunicare al cliente, altri la risoluzione parziale lasciando attivo il servizio voce.

      Nel tuo caso concreto ti consiglio di esercitare il diritto al ripensamento se non sono trascorsi 14 gg. lavorativi dalla conclusione del contratto. Le istruzioni per la compilazione le trovi qui. Da tener presente che la conclusione varia da gestore a gestore.
      Alcuni la fanno decorrere dal momento dell’attivazione del servizio altri dalla regisrazione telefonica.
      Un recente documento dell’Agcom asserisce che finchè il cliente non firma il cartaceo non è vincolato al contratto.
      Contrasta però con un precedente orientamento in cui si stabiliva che la firma non è necessaria. In base al criterio cronologico prevale la prima interpretazione. Non avendo sottomano i riferimenti normativi non posso dire con certezza la validità della posizione assunta dall’Agcom. Per cui per il momento è preferibile seguire la procedura del ripensamento.

      @ Alessandro
      il vincolo tra le parti nasce con l’accettazione della proposta o con l’attivazione del servizio.
      Non essendosi verificate le due ipotesi il vincolo non è sorto e può chiedere di risolvere il contratto esercitando il diritto di ripensamento.

      Per altre informazioni contattateci
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe
      P.S.
      A titolo informativo: chi decidesse di sottoscrivere un nuovo abbonamento consigliamo di procedere on line tramite il servizio Trovatariffe, dai link della pagina di comparazione.
      In tal modo possiamo migliorare il servizio a voi offerto.
      Grazie!!

  24. Buongiorno, ho un problema con una compagnia telefonica; in pratica mi hanno fatto in contratto telefonico garantendomi l’ ADSL ma dopo aver fatto il contratto ho saputo che la mia zona è scoperta nonostante l’operatore mi aveva assicurato che era coperta. Ancora non ho ne il contratto ne il codice cliente quindi mi è impossibile mettermi in contatto con la compagnia. Cosa posso fare per disdire questo abbonamento e soprattutto questa frode? Vi ringrazio in anticipo buona giornata

  25. Salve vorrei porle un mio problema con la Vodafone.Dopo 5 anni di contratto,spinto da loro per impossibilità di servizio nella mia zona,ho effettuato il recesso con relativa raccomandata.Oggi mi vengono addebitate le spese di recesso anticipato di euro 45.37 per una promozione fatta telefonicamente nel 2013 sui cellulari vodafone che, a detta loro,mi impegnava per 24 mesi ma successivamente loro stessi mi avevano proposto un’altra offerta per tutti i cellulari facendo quindi decadere la prima,che secondo me non aveva più influenza per 24 mesi non avendola più.Quest’ultima ,mi dice l’operatore, non aveva nessun impegno di mesi contrattuali e che quindi non influiva in un eventuale recesso.Quindi le chiedo se sia giusto pagare questa penale di recesso anticipato per un servizio che non avevo più.In più nei mesi in cui non avevo ne linea telefonica ne internet continuavano a prelevare il pagamento dal mio c/c.Grazie anticipatamente

    1. Salve a tutti, rispondo ai post per ordine cronologico di invio
      @ Emanuele,
      si applicano le disposizioni contrattuali che fanno decorrere il termine per l’esercizio del ripensamento dall’attivazione del servizio di accesso.

      @ Ony
      in alcuni contratti la clausola che regola la conclusione del contratto non è formulata in modo univoco ma si riferisce a due momenti distinti e tra loro alternativi: dalla comunicazione dell’accettazione della proposta al cliente o dall’attivazione del Servizio. Per cui dal verificarsi di una delle seguenti ipotesi si fà decorrere poi il termine del ripensamento.
      Grazie per aver riportato le informazioni sul programma ne.me.sys.

      @ Michele
      contesti la fattura aprendo la pratica di reclamo esponendo i motivi e allegando la copia dell’avvenuto recesso. Il Modem è tenuto a restituirlo successivamente alla disattivazione entro 45 gg.

      @ Antonio

      la normativa sul ripensamento esige che sia inviata la comununicazione a mezzo raccomandata, o attraverso i canali on line, area personale del sito dell’operatore.
      La firma della proposta contrattuale conclusa telefonicamente non è necessaria secondo l’Agcom per la validità del contratto.
      Dato che il suo impianto necessita di un intervento tecnico per l’attivazione del servizio e lei vi ha rinunciato, automaticamente è escluso che possa attivarsi il servizio e quindi il contratto si risolve.
      Per sicurezza è preferibile contattarli telefonicamente o attraverso i canali social per sapere l’esito della sua pratica.

      @ Alessandro

      puoi far valere la scadente qualità dell’adsl con il programma Ne.me.sys e contestualmente chiedere un indennizzo per il disservizio ricevuto, che copre il periodo dal quale è aperta la pratica. Il programma ne.me.sys le fornisce la possibilità di recedere gratuitamente dal solo accesso adsl mentre per il servizio voce va incontro ai costi di disdetta che nel caso di Telecom sono uguali a quelli adsl- Pertanto il vantaggio di utilizzare ne.me.sys. è limitato al riconoscimento dell’ indennizzo

      @ Gennaro
      se il tuo contratto rientra tra quelli conclusi a distanza contesta la fattura aprendo un reclamo formale esponendo il motivo, esercizio del diritto al ripensamento e allegando come prova la copia della raccomandata a/r. Il diritto al ripensamento è di 14 gg.

      @ Francesco
      il negozio al quale ti sei rivolto avrebbe dovuto darti delle informazioni in merito.
      Le procedure di distacco e allaccio sono regolate da protocolli standard collaudati che si concludono in 30 gg. salvo l’esistenza di problemi tecnici.
      Il fatto che non sia intervenuto il tecnico potrebbe far supporre sia a un problema tecnico che amministrativo, di mancata presa in consegna della tua pratica. Contatta direttamente l’Operatore anche tramite la pagina di facebook, per sapere lo stato di avanzamento della tua attivazione.

      @ Massimo

      ti posso consigliare di fare reclamo contro la penale per i motivi che hai elencato. Per un eventuale rimborso dei pagamenti per servizi non forniti occorre che tu abbia segnalato precedentemente il disservizio e questo sia stato accertato. Diversamente non verrebbe accettata una richiesta di rimborso senza una prova oggettiva.

      Per altre informazioni contattateci
      Saluti a tutti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  26. Buongiorno. Io vorrei saper per favore una cosa . I primi di ottobre sono andato in un negozio fastweb e ho fatto domanda per avere linea avendo già sky . Ora siamo alla metà di gennaio e non è neanche venuto in tecnico a montarli l impianto , non ha neanche telefonato per l appuntamento. Premetto che al negozio ho dato i miei dati sky per far si che fastweb aggiungere al mio conto sky le spese sa pagare alla mia banca in un unica soluzione. Che devo fare ? Grazie

  27. Buongiorno, ho stipulato in contratto con fastweb( superjet) ma dopo 9 giorni dall’attivazione per vari disservizi ho chiesto e inviato tramite ar la disdetta. Da pochi giorni mi è arrivata una richiesta di pagamento per recesso anticipato di 83,00€. Ho provato a parlare con l’ammministrazione, ma naturalmente dicono che devo pagare e basta, secondo voi è così? Grazie in anticipo

  28. Salve vorrei disdire telecomitalia.
    Ho gia chiamato l’operatore che mi ha spiegato come fare tramite raccomandata. Poi mi ha detto che mi verranno addebitati 35€ per la cessazione.
    Io posseggo anche adsl che da contratto dovrei viaggiare a 2mb, invece controllato con ne.me.sys.di agcom viaggio a 312byt.e quindi per questk motivo voglio rescinfere dal contratto.e sono quasi 2anni che pago un servizio che ho in minima parte.
    vorrei sapere se innanzitutto posso risparmiare i €35 di cessazione di contratto, e se posso richiedere un rimborso spese per un servizio ricevuto solo in minima parte.
    Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.
    Cordiali saluti

  29. Salve,
    Il 29/11/2014 ho richiesto l’attivazione di una nuova linea telefonica infostrada tramite cellulare,poi ho avuto un ripensamento e alla chiamata del tecnico per la verifica dell impiato ho specificato che non ero piu’ interessato,oggi sono stato ricontattato dal tecnico e ho dato la stessa risposta negativa.Quindi devo mandare qualcosa di scritto a infostrada oppure va tutto a morire?
    Premetto che non ho inviato il contratto firmato
    In attesa di una vostra risposta,ringrazio anticipatamente

  30. buongiorno volevo chiedervi come mi devo comportare con la fattura di fastweb di euro 58,78 addebbito abbonamento anticipato data 13/11/2014al 14/01/2015 premetto che dopo 3 giornodall’inizio contratto ho fatto in raccomandata diritto di recesso in quanto il servizio era quasi assente mi dite se sono tenuto a pagare i 58,78 euro ho chiesto di restituire il moden contattandoli mi hanno risposto di tenerlo cosa devo fare grazie

  31. AH DIMENTICAVO!!!!!!!!!

    Sia su contratto, sia su condizioni generali contrattuali, fastweb non specifica in alcun modo i costi di attivazione di € 119 su utenti con diritto di ripensamento. e’ scritto solo sul sito web senza specificare a chi è rivolto e senza scrivere termini, condizioni e modalità sempre per gli utenti con diritto di ripensamento.

    INOLTRE vi consiglio di registrarvi su misurainternet.it (AGCOM) e scaricare i VERI e REALI speedtest:

    – misurainternet speedtest per speedtest occasionali

    -Nemesys: dove CERTIFICA la reale velocità sulle 24 ore con rilascio di certificato legale a tutti gli effetti e l’AGCOM lo invia per te, direttamente all’operatore che hai registrato. Con questo foglio puoi chiedere qualsiasi cosa: Indennizzo o recesso (anche dopo i 14 giorni) senza pagare costi. Anche se non hai il diritto di ripensamento NON PAGHI NULA.

  32. Ho visto e rivisto sia su Fastweb e sia su Infostrada (che è molto più trasparente di Fastweb): la data di conclusione contratto avviene dal MOMENTO DELL’ATTIVAZIONE e i giorni sono 14 dalla nuova legge N° 21 del 21 febbraio 2014.

    SE ci sono rallentamenti potete chiedere INDENNIZZO attraverso il corecom regionale (tutto gratuito) di circa € 2,50 al giorno (su questo punto leggete meglio le delibere sull’AGCOM)!!!!!!!

    Purtroppo sto avendo problemi anchio con Fastweb che vuole addebitrami 119 euro per i costi di attivazione anche facendo parte del diritto di ripensamento.
    Non avranno neanche 1 euro..

    Sono falsi, dicono tantissime bugie e ti prendono pure in giro spudoratamente. Evoglia a mandarmi fatture loro.
    Bloccate i RID sui vostri c/c

  33. Salve,
    stipulando un nuovo contratto telefonico, mediante consulente, si ha il diritto di recesso per 14 giorni lavorativi, ma da quando parte il conteggio di questi 14 giorni? Dalla data della firma del contratto, come sostenuto dal consulente, o dalla data di attivazione del servizio come riportato nella nota contrattuale?
    Importante saperlo perchè ho notizie che le attivazioni avvengono mediamente settimane dopo la firma del contratto,
    Grazie dell’attenzione

  34. Buongiorno..
    Il 1 ottobre ho sottoscritto contratto a voce con fastweb, non ho firmato nulla e non è stato attivato nulla, alla chiamata di Telecom ho detto che ci ho ripensato di annullare..
    Andrò in contro a penali?
    Quando sarò libera di poter fare un altro contratto visto che a oggi il mio stato di attivazione fadtweb risulta ancora in verifiche tecniche?
    Grazie mille

  35. Salve,
    io ho sottoscritto una ‘proposta di attivazione’ Tim smart il 10/09/14.
    L’attivazione sulla sim del cellulare è avvenuta in data 15/09, mentre sulla linea fissa il 14/10.
    In realtà sul cellulare è avvenuto il passaggio a Tim, ma non con l’offerta flat sottoscritta [in attesa della linea fissa ], ma di una a consumo, con un dispendio notevole. Ora l’attivazione della linea ha creato diversi problemi e vorrei recedere dal contratto, sul quale c’è scritto che posso recedere entro 14 gg dall’attivazione [per casa avveuta ieri, sul cellulare avvenuto il passagio, ma non attivazione offerta]. Dite che è possibile? Inoltre potrei farmi rimborsare i soldi spesi sulla sim dove non mi è stato attivato il servizio? Grazie

  36. Buongiorno a tutti. Proverò a spiegare un po’ la mia situazione.
    Ho firmato un contratto (che ho fatto online) con Fastweb quasi due anni fa, nell’ottobre 2012. Tutto andava bene fino a gennaio/febbraio di quest’anno quando, per qualche motivo, l’internet ha smesso di funzionare. Ho provato a contattare il servizio clienti e loro mi hanno detto che manderanno un tecnico a casa mia. Fino a marzo, questo tecnico non è mai arrivato..Nel frattempo ho dovuto fare il trasloco, non sapendo che, secondo loro, dovrei pagare cca 70 e per il trasferimento della linea per poi aspettare 2 mesi che la linea si attiva nella seconda casa.. Da quel momento per la questione di principio ho smesso di pagare loro servizio, senza recedere il contratto perché Fastweb mi ha detto che dovrei pagare altri 150 e per la chiusura e quello secondo me era assurdo.. Ormai sono alcuni mesi che non voglio pagare le loro bollette.
    Comunque, volevo chiedere se sia possibile recedere dal loro contratto senza pagare il “debito per il loro servizio” e i “costi di disattivazione”?

  37. Buongiorno,
    il 24 maggio 2014 ho sottoscritto un contratto Voce+ADSL con Fastweb.

    Il mio precedente operatore (Infostrada) ha staccato la linea il 27 agosto.

    Il 29 agosto è stata attivata la linea Fastweb (dopo l’intervento di un operatore Telecom).

    Oggi, 3 settembre, verificato che la linea non ha le caratteristiche dichiarate, ho esercitato il diritto di ripensamento.

    Da Fastweb mi dicono che devo comunque pagare 119 euro, corrispondenti ai costi di attivazione.

    E’ possibile quindi che:
    – passati 3 mesi dalla firma all’attivazione
    – con un servizio erogato di pessima qualità
    – con ripensamento e comunicazione entro i 10 giorni
    io debba anche pagare 119 euro?

    Grazie per eventuali suggerimenti

  38. Salve,
    Ho firmato una proposta di contratto con fastweb presso i loro locali commerciali(fastwebstore via dante Milano ) nella giornata di ieri. A meno di 24 ore dalla stipula del contratto ho ricevuto informazioni relative ad un’ offerta Tim che per motivi pratici trovo più vantaggiosa, pertanto vorrei rinunciare a fastweb e andare.con Tim. Non avendo ancora usufruito del servizio e trovandomi dentro il termine dei 10 gg dalla firma sulla proposta di offerta, posso disdire il contratto tramite raccomandata senza pagare nulla?! Sono perseguibile dal pagamento di una penale, insomma posso avere dei problemi avendo firmato presso i loro locali commerciali?

  39. Salve. Da febbraio sto tentando di rientrare a Telecom ma dopo due tentativi (l’ultima volta a giugno) non ci sono riuscita! Dalla mia ultima telefonata al 187 per avere notizie sembra che Vodafone non dia il via libera all’utilizzo del numero e che quindi la Telecom non possa fare altro che aspettare! Posso fare qualcosa in merito o mi tocca aspettare i comodi di entrambi i gestori telefonici? La Telecom non avrebbe dovuto garantirmi l’attivazione della linea in un tempo ben definito? Posso ancora recedere da questo contratto per inadempienza?

  40. Buon giorno, sono antonio,vorrei dei chiarimenti a proposito di una permanenza con fast web di oltre 4 anni e precisamente da giugno 2010 a luglio 2014.Adesso sono passato a vodafone con un contratto on line e dove il nuovo operatore affermava che avrebbe sbrigato tutte le pratiche necessarie con il vecchio gestore relative alla disattivazione.la domanda è la seguente:1°)Non devo pagare alcuna somma al vecchio gestore vista la anzianità di permanenza (oltre 4 anni),e inoltre perché il nuovo gestore come ho già scritto avrebbe disbrigato tutte le pratiche. Grazie per il vostro impegno,Antonio

  41. Stefano Miatton

    Ho sottoscritto il 29-07-14 sul sito sito web Telecom l’attivazione della tariffa (su nuova linea) TIM SMART promo limited 52 un contratto voce + ADSL + smartphone a 29€/mese per i primi 12 mesi, poi a 39€/mese.
    Dopo che mi e’ stata attivata ho notato dai test che la linea ADSL non supera i 2-2 Mbps.
    Ho deciso quindi di recedere immediatamente dal contratto con raccomandata AR spedita in data 09-08-14, usufruendo della facolta’ prevista dall’art. 64 D Lgs 206/95 codice del consumo.
    Volevo sapere quali costi dovro’ sostenere dopo tale tipo di disdetta, tenendo conto che ho navigato solo poche ore e che nelle varie promozioni il contributo di attivazione era gratuito, mentre il contributo di attivazione linea era di 97,60€.
    Grazie mille del lavoro che fate per noi 🙂

  42. salve, ho un problema da risolvere con Telecom Italia Spa, un contratto telefonico di cui non ho mai avuto materiale cartaceo per cui ignara delle clausole di disattivazione, cambiato a mezzo sempre telefonata in quanto esoso nei prezzi, con addebito di € 110 per penale (di cui non si era a conoscenza), contestato a mezzo fax per cui servizio riattivato ma impongono il pagamento comunque della penale, come posso procedere? Al momento hanno staccato le chiamate in uscita e le bollette successive a quella non pagata con la penale sono state tutte pagate. Con un trasferimento ad altro operatore si risolve? Grazie

    1. Salve Stefania,
      la penale si riferisce alla perdita della promozione per non aver rispettato il periodo di fedeltà di 2 anni contrattuali.
      Il materiale informativo le sarebbe dovuto arrivare per posta, sia cartacea che in formato elettronico.
      Il fatto che sia riuscita a ritornare con Telecom avrebbe dovuto avere come conseguenza l’annullamento della penale.
      Le chiamate in uscita bloccate dimostrano che per Telecom la penale è dovuta.

      In questi casi per superare il disservizio si paga la fattura e si presenta reclamo per chiedere il rimborso di quanto pagato, i tempi di romborso sono abbastanza lunghi.

      In caso di fatture inevase difficilmente viene portata a termine la fase di migrazione ad altro operatore. Nei contratti di tlc è prevista una clausola che subordina la migrazione al regolare pagamento delle fatture con il precedente operatore.

      Per altre informazioni ci contatti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  43. Salve,volevo una info…ho stipulato un contratto per telefono con Infostrada,giunto a casa,firmato e rispedito via fax.Ad oggi ,dopo 20 giorni,dell attivazione non se ne parla,anche perche è stato riscontrato un problema di linea dal tecnico telecom,che dovrebbero risolvere…quando????…comunque chiedo.. posso fare recesso dato che l attivazione non è ancora avvenuta?devo pagare una penale? Anticipatamente ringrazio

    1. Salve Simone,
      il contratto si considera concluso dall’attivazione del servizio per cui puoi esercitare il diritto al ripensamento a mezzo raccomandata a/r.
      Il modulo lo puoi compilare anche on line sul sito Trovatariffe

      Se ti trovi nella situazione di voler approfittare di altre promozioni puoi consultare gli sconti proposti tramite il preventivo tariffario.
      Seguendo i link accedi alla pagina dell’operatore dove puoi sottoscrivere on line l’abbonamento.

      Per altre informazioni contattaci.
      Antonio
      Staff Trovatariffe.

  44. Grazie della risposta Antonio.
    Ho inviato in data 17 Aprile la lettera di ripensamento a Teletù e nello stesso giorno stipulato contratto verbale con Fastweb comunicandogli il codice di migrazione. Oggi mi ha chiamato un operatore di Teletù in merito della raccomandata di ripensamento. Mi ha detto che non ero nei termini, che poteva farmi una richiesta di rimborso per i giorni di disservizio e rimanere con loro. Se invece proseguivamo con il ripensamento la linea sarebbe cessata e non potremo migrare a Fastweb e perderemo inoltre il nostro numero di telefono. Per migrare a Fastweb dovremmo rinunciare al ripensamento far la migrazione e pagare la loro attivazione. Ho chiamato fastweb che mi ha confermato che non possono migrare su una linea cessata. Noi vorremmo lasciare teletu senza penali e passare a Fastweb senza cambiare numero. Com’è possibile che il ripensamento, oltretutto per disservizi loro mi cessi la linea e perda il numero? mi sembra assurdo…

  45. Buongiorno,
    in data 13/03 tramite callcenter stipulo contratto telefonico con teletu. Il giorno seguente viene verificata la corretta stipula del contratto e il 26/03 mi arriva anche il modem. L’attivazione fisica della linea è fissata per l’11/04. Quel giorno viene attivata ma non correttamente. Internet funziona, riesco a chiamare ma non riesco a ricevere telefonate da fissi infostrada fastweb e cellulari wind. L’assistenza mi dice di aspettare e che i due giorni successivi sabato e domenica i tencici non ci sono. Lunedì 14/04 mi richiamano e provano a sistemare il guasto col risultato che non funziona più nulla, non ricevo non chiamo internet ko. Oggi ho aperto un altra segnalazione di guasto. Credo ormai di essere in ritardo per il recesso entro 10 giorni. E’ possibile “staccarmi” da teletu senza pagare penali? Il precedente operatore Fastweb ho verificato ha chiuso l’abbonamento.
    Grazie in anticipo della risposta.

    1. Salve Alessia,
      se le date da te indicate sono corrette non sei in ritardo per il ripensamento.

      Nelle condizioni generali del contratto di Teletu è stabilito che la conclusione si perfeziona all’atto dell’attivazione del servizio. La conclusione è il termine dal quale decorre il termine del ripensamento per cui se l’attivazione fisica è avvenuta l’11 aprile i dieci giorni lavorativi scadono il 24 c.m., per cui sei in tempo per inviare la raccomandata, fà fede la data del timbro apposta dall’ufficio postale di accettazione della raccomandata.
      Nella lettera fai riferimento alla normativa del ripensamento che puoi trovare nei modelli precompilati e conserva la ricevuta di ritorno della racc. insieme ad una copia della lettera inviata.
      Nel frattempo, per ovviare al problema del disservizio, puoi chiedere a Teletu il codice di migrazione per migrare presso un altro operatore.
      Per sottoscrivere una nuova offerta puoi procedere on line tramite il servizio trovatariffe che ti permette di fare una comparazione delle promozioni e valutare la migliore.
      Dai link della pagina acccedi alla pagina dell’operatore per sottoscrivere l’offerta.
      Per altre informazioni contattaci
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  46. Buongiorno.
    In data 4 aprile ho richiesto telefonicamente all operatore del 187 di essere allacciato a rete telecom (al momento non dispongo infatti ne di linea fissa ne ADSL, casa nuova)
    Mi è stato fissato appuntamento con tecnico per l allacciamento in data 15 aprile
    Essendo quindi dentro i 10 giorni lavorativi, mi é possibil. Provare la linea e in caso riescindere il contratto?

    O il contratto parte dal effettivo allacciamento (15 aprile) e quindi avrò 10. Giorni da tale data?

    Grazie

    1. Salve Luca,
      il termine per l’esercizio del diritto al ripensamento per il contratto “a distanza ” della Telecom decorre dall’attivazione del servizio, art. 25 delle CGC, e deve essere esercitato per mezzo della raccomandata, eventualmente anticipata via fax o per telefono a cui deve seguire la racc. entro 48h. Nella raccomandata occorre fare riferimento alla normativa del ripensamento, che puoi trovare compilando il modulo precompilato e indicare che ti venga disattivato oltre che il servizio adsl, il servizio voce.
      Per altre informazioni contattaci.
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  47. salve mi chiamo valerio,
    ho un problema con fastweb,in precedenza avevo linea tekefonica+adsl in abbonamento con telecom italia;ho deciso di prendere l’abbonamento con fastweb,superjet,adsl wholesale, il 15/16 o 17 marzo ricevo il loro modem,che installo,il 22 marzo us invio a fastweb raccomandafa con avviso di ricevimento per recedere dal loro abbonamento,vorrei ritornare con telecom italia,abbonamento tutto: il 3/aprile us un addetto di fastweb mi telefona dicendomi che se recedo da loro,perderò il numero telefonico,in tarda serata chiamo il call center fastweb e un addetto mi dice che devo aspettare fino al 26/aprile per la conclusione della pratica recesso e che dopo tale data sarò,adsl,di nuovo ripassato co nfastweb,loro hanno aperto due pratiche,una per il recesso,una per permettermi di rientrare con telecom italia,a chi devo credere?ho insistito pesantemente per avere tutto quel che fanno scritto nero su bianco,ma loro dicono che non possono,come inviarmi documenti pratica sulla mia casella email,quando chianavano,nascondevano i loro numeri,cosa che io ho contestato,ira mi telefonano con numeri visibili in diplay,gradirei anche messaggi in privato o link per leggere le risposte dedicate a me, grazie.

    1. Salve Valerio,
      per quello che deduco dalla tua lettera dovresti conservare la raccomandata che hai inviato, quale prova del ripensamento. Se vedi che nonostante il recesso ti attivano il servizio, chiedi il codice di migrazione e rientra in Telecom. Se ti addebitano i costi per il passaggio li devi contestarli con racc. portando come prova la lettera con cui hai esercitato il diritto al ripensamento, sempre che sia stata redatta facendo riferimento all’esercizio del ripensamento.
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  48. Grazie per la risposta come mi hai detto tu ho inviato la raccomandata per il ripensamento subito! Oggi mi è arrivato un sms dove diceva che tiscali giorno 28 marzo ha provveduto a inviarmi il modem! Che faccio? Quando viene il corriere rifiuto o lo invio per posta io? Grazie Ancora

    1. Di niente Piero,
      purtroppo rispondo in ritardo e penso che avrai già risolto.
      In ogni modo quando viene il corriere puoi rifiutare di ricevere il pacco in quanto non sei obbligato ad accettarlo e inoltre non sopporti nessuna spesa che dovresti affrontare se lo rispedisci per posta.
      Saluti
      Antonio

  49. Buongiorno,
    ho sottoscritto telefonicamente un contratto con infostrada il 10/03/14
    nel frattempo ci ho ripensato, e ieri ho mandato una mail di disdetta all’indirizzo certificato di wind infostrada…
    io non ho però posta certificata ma una normale mail di gmail…
    non ha valore?

    in ogni caso se io rifiuto la visita del tecnico mandando in KO la richiesta… si invalida tutto senza penali?

    grazie in anticipo

    1. Salve a tutti, rispondo alle domande per ordine di arrivo:
      @ Alessandro,
      mandare la raccomandata a/r per il ripensamento, di cui deve conservare la ricevuta dell’avvenuta spedizione, la tutela da eventuali pretese che l’Operatore potrebbe avanzare, per cui se le venisse recapitato dal corriere il telefono Dillo, si rifiuti di riceverlo dato che sta per venir meno il rapporto contrattuale.

      @ Piero,
      Il contratto concluso telematicamente dà efficacia all’accordo raggiunto e la firma del modulo cartaceo che arriva successivamente al cliente è un atto la cui mancata restituzione firmata non comporta il venir mento del rapporto contrattuale.
      Inviare la raccomandata a/r è la modalità richiesta dalla normativa per esercitare il diritto al ripensamento che può essere derogata se nel contratto è stabilita una forma diversa, es. modulo di contatto al servizio clienti.

      Tiscali non prevede al momento un modulo on line per cui deve rispettare la modalità della raccomandata o se possiede la posta certificata può inviare l’email

      @ Adriano,
      solo la posta certifica ha valore legale ed equivale ad inviare una raccomandata-
      Se non le viene attivato il servizo il contratto non si può concludere. Nel dubbio è sempre meglio inviare una racc.
      Per altre informazioni contattateci.
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

      P.S.
      A titolo informativo: chi decidesse di sottoscrivere un nuovo abbonamento consigliamo di procedere on line tramite il servizio Trovatariffe, dai link della pagina di comparazione.
      In tal modo possiamo migliorare il servizio a voi offerto.
      Grazie!!

  50. Buonasera, sabato 16 marzo ho compilato online il tutto per passare da Telecom a tiscali ma ancora non ho restituito il contratto firmato che mi hanno inviato! Adesso ho cambiato idea e sto passando a Fastweb perché mi sono informato e nella mia zona funziona molto meglio. Devo inviare lo stesso la raccomandata di ripensamento a tiscali? Grazie

  51. ALESSANDRO F.

    Il 14 Marzo 2014 ho mostrato interesse per la tariffa voce facile di TELETU 15.90/mese, dopo opportune verifiche mi hanno sottoposto a una serie di domande (suppongo trattasi di contratto a distanza on-line) mi hanno richiamato per avere dati su carta di credito (Palermo e una città “da codice rosso” e attivano solo con carta di credito) poi ricontattano per verificare la carta e mi dicono che risulta bloccata (a me risulta attiva e funzionante). A questo punto il contratto vista l’impossibiltà di TELETU di incassare da tale carta non possa essere posto in essere, come si comporterà ? Oggi ho intenzione per preservarmi da sorprese inviare raccomandata R/R per avvalermi del diritto di ripensamento. Nel caso in cui mi inviano il “dillo” apparecchio telefonico per gsm (incluso nell’offerta) devo respingere il corriere alla consegna ? faccio bene a fare raccomandata ? Grazie

  52. andrei felicia

    Salve , oggi dopo aver firmato il contratto con teletu mi sono accorta di alcune condizioni che non voglio accettare quindi vorrei chiedere il recesso del cobtrattoper rimanere con la telecom. Che cosa devo fare ? Mi hanno detto , chiamando al numero verde della telecom di mandare un fax ma non ho idea di cosa scrivere, potreste aiutarmi?

    1. Salve Andrei,
      la legge prevede che il consumatore possa ripensarci e recedere dal contratto senza sostenere costi aggiuntivi esercitando il diritto al ripensamento entro 10 gg. lavorativi dalla conclusione del contratto.
      Il contratto deve essere stato sottoscritto a distanza, per telefono o tramite sito web, oppure fuori dai locali commerciali, es. agente vendita porta a porta ecc..
      Per esercitare il diritto al ripensamento deve inviare una raccomandata a/r al servizio clienti del nuovo operatore in cui dichiara di voler recedere dal contratto avvalendosi della normativa del ripensamento.
      Il modello lo trovi sul portale trovatariffe compilando il questionario seleziona diritto al ripensamento e scarichi il modello che è solo da firmare e mettere la data.
      Per maggiori informazioni contattaci,
      saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  53. Salve ho fatt a ottobre un contratto Vodafone relax e dicembre per motivi economici ho richiesto la disdetta . Con cui mi hanno dato un cell che devo pagare le rate su questo non ci piove. Ma è giusto che devo pagare 700 euro di penale. Grazie

    1. @ Rosanna, per il termine dei dieci giorni fà fede la data del timbro postale di accettazione della racc.
      I 10 gg. sono lavorativi e rientri nei termini per l’esercizio del diritto.
      Occorre solo che vengano espletate le procedure.

      @ Natale,
      nel caso di Vodafone il contratto si intende concluso nel momento in cui Vodafone attiva la carta Sim necessaria alla fruizione del Servizio Wifi. Pertanto da tale data decorre il termine di 10 gg. del diritto al ripensamento che le scade, tenendo conto dei giorni lavorativi, il 19 marzo.
      Io le consiglio di inviare la racc. per evitare contestazioni di qualsiasi sorta sul suo contratto.

      @ Francesco,
      le penali sono fissate dall’operatore per coprirsi dai costi del mancato rispetto delle promozioni.
      Non conosco nello specifico i termini del tuo contratto. Di norma le promozioni tariffarie con il telefonino prevedono il pagamento delle rate in unica soluzione se si recede anzi tempo. Se ritieni che i costi non rispettino le condizioni stabilite dal tuo contratto hai il fondato diritto di contestarle.
      Per altre informazioni contattaci
      Saluti a tutti
      Staff Trovatariffe
      P.S.
      A titolo informativo: chi decidesse di sottoscrivere un nuovo abbonamento consigliamo di procedere on line tramite il servizio Trovatariffe, dai link della pagina di comparazione.
      In tal modo possiamo migliorare il servizio a voi offerto.
      Grazie!!

  54. Scusa devo rettificare una data…intendevo dire l’8 marzo 2014 e nn l’8 maggio…mentre l’attivazione effettiva è stata il 5 marzo

  55. Salve,ho stipulato un contratto con vodafone tramite telefono,ho chiesto conferma di quanto loro mi offrivano prima di accettare il contratto cosa che hanno fatto al momento della conferma dell’accettazione.Premetto che dal contratto stipulato via telefono a quando mi hanno attivato la linea adsl è passato oltre un mese dopo mie continue sollecitazioni effettuate; il 5 di marzo di questo anno, finalmente(dico io)mi attivano la linea e scopro di navigare lentamente, faccio tel ad operatore e mi si dice che devono verificare la linea aprendo pratica, nel contempo chiedo di verificare il contratto telefonico da me sottoscritto e con mio sommo stupore, vengo a scoprire che quanto fattomi accettare nn corrisponde al vero.
    In poche parole, la vodafone mi ha offerto:
    Velocità massima 20 mega;
    Telefonate ILLIMITATE sia verso i fissi in italia che ai cellulari dei vari gestori;
    Telefonate ILLIMITATE internazionali Europa 1 ed america;
    Sim da 3 giga rinnovabili mensilmente, il tutto al prezzo di 39 euro mensili + 3 euro per 36 mesi.
    Invece a loro risulta che il contratto inerente la velocità nn può superare i 7 mega, quando invece l’operatore mi aveva assicurato una velocità minima di 13 mega poichè la loro centralina si trovava ad una distanza dalla mia abitazzione solo 250 mt(ho richiesto di confermarlo + volte al telefono);
    Le chiamate verso tt gli altri operatori di telefonia mobile da ILLIMITATE, si sono ridotte a 1000 minuti;
    Idem x le telefonate internazionali che sono di 2000 minuti.
    A questo punto, comunico allo stesso operatore che avrei fatto seguire disdetta.
    L’allaccio della linea effettuata il 5 marzo, rientra nei parametri dei 10 giorni?
    N.B. Un’ultima annotazione; Telefonato al mio gestore precedente(fastweb), mi comunicano che ancora risulto loro cliente e mi hanno consigliato di mandare subito un fax al numero da loro indicatomi facendo presente di nn far attivare la linea alla vodafone e di rimanere loro cliente cosa che ho fatto subito dopo in data 8 maggio 2014.
    Il giorno successivo, mi chiamano da fastweb e mi riattivano la linea che x loro nn era mai stata staccata risultandogli errore di linea.
    Cosa mi consiglia di fare a questo punto?

  56. grazie per aver risposto subito per non sbagliare oggi ho fatto anche la raccomandata a/r per i dieci giorni fa fede la data in cui io ho effettuato l’operazione o quando da loro ricevo la cartolina indietro??? si assolutamente le conserverò mi è venuto un dubbio loro mi hanno detto che rientravo assolutamente nei dieci giorni però ho letto che la raccomandata si invia nei dieci giorni successivi alla chiusura contratto che ho stipulato come già detto per registrazione vocale il 24/02/2014 però la documentazione con relativo contratto l’ho ricevuta solo il 04/03/2014 e l’attivazione di tutti i servizi il 05. mi hanno detto che mi richiameranno per la conferma del recesso e che rimarrò con il mio vecchio gestore è cosi ho mi stanno prendendo in giro??? poi mi hanno confermato che hanno bloccato la portabilità del numero che per questo sono ancora cliente telecom è così??? scusatemi se vi sembro ansiosa ma purtroppo non sono pratica di queste cose e sono sconfortata perchè mi avevano proposto un’altra offerta poi mi ritrovo con una che non ho chiesto pensavo di avere un vantaggio invece mi ritrovo in questa confusione ho provato a chiamare la Telecom e anche loro si sono presi in carico di ricontattarmi spero a breve per bloccare il tutto. Grazie grazie.

  57. Salve scrivo qui per avere un consiglio. Qualche giorno fa vengo contattata da Vodafone che mi offre,un’offerta vantaggiosa adsl più voce (telefono fisso quindi) se passa dal,mio gestore Telecom a Vodafone. L’offerta mi sembra buona e sottoscrivo tramite registrazione vocale il contratto Vodafone per cui acconsento alla portabilità del numero da Telecom a Vodafone. Il 04/03/2014 mi arriva a mezzo,corriere il contratto e l’apparecchio telefonico purtroppo l’offerta non è quella,che mi era stata presentata infatti e un’offerta solo voce senza internet. Allora chiamo in data 05/03/2014 il 190 dopo aver ricevuto la comunicazione dell’attivazione dell’offerta. Chiamo il,190 e l’operatrice effettivamente mi,conferma,che è solo,una,promozione voce cosa che con Telecom,ho,internet illimitato. Mi dice però che rientrando,nei termini del RiPENSAMENTO posso operare il recesso lei mi dice che mi ha bloccato la,portabilità del numero quindi il mio gestore rimane Telecom mi inoltra il recesso però mi dice anche che devo aspettare che il,servizio clienti mi ricontatti per operare,il recesso del contratto,a,mezzo della,registrazione vocale,e di,aspettare la,chiamata nei prossimi sette giorni. La,mia,domanda è posso fidarmi?? Oppure de o operare il recesso tramite raccomandata??? E in,questa devo allegare i miei documenti?? Non contenta ho letto il contratto in,cui,si dice che quando un contratto è stipulato per registrazione vocale si hanno 10giorni lavorativi per il recesso e questo recesso può essere inoltrato tramite l’area personale sull’indirizzo tracking.vodafone. Io l’ho fatto e mi è attivato un sms e un’email in cui si dice che hanno preso in carica la mia richiesta questo vuol dire che mi chiameranno per disdire il,contratto o è meglio la,raccomandata per tutelarmi??? Poi devo chiamare Telecom e dire di bloccare la migrazione. grazie per l’attenzione ma,sono veramente disperata.,aiutami grazie.

    1. Salve Rosanna,
      la normativa del ripensamento dispone la raccomandata ma se il contratto prevede un’altra forma è valida anche questa.
      L’email e il messaggio che le sono arrivate sono una prova della richiesta. Non so se le faranno una registrazione vocale, però il fatto che abbia rispettato la procedura prevista nel contratto la tutela. Il contratto ha forza di legge tra le parti. Conservi il messaggio e l’email per eventuali contestazioni.

      Contattare la Telecom per bloccare il passaggio è proponibile quando non sia passato molto tempo dall’attivazione del nuovo contratto. Potrebbe provare ma non credo che sia ancora nella disponibilità dell’Operatore negare il passaggio.
      Comunque può ricevere un vantaggio dalla situazione:
      se Vodafone ha effettuato la portabilità del suo numero lei deve riottenere il codice di migrazione, di vodafone ovviamente, con cui effettuare la migrazione con Telecom usufuendo delle promozioni come se fosse un nuovo cliente e conservando lo stesso il numero di telefono.
      Può procedere on line nell’effettuare la migrazione servendosi del servizio Trovatariffe dalla pagina del modulo.
      Per altre informazioni ci contatti,
      Antonio
      staff Trovatariffe

  58. Salve in maniera breve cercherò di spiegare qual’è il mio problema. Io sono cliente Telecom e anni fa beneficiavo di Alice ADSL che poi ho deciso di disdire nel maggio 2012 ma ultimamente avendo fatto la richiesta di attivazione del wifi con la tiscali e non avendola loro ancora attivata ho comunque navigato credendo di usufruire del mio servizio wifi richiesto, invece mi arriva una bolletta della Telecom con tutte le connessione fatte con alice. Ora mi chiedo se chiedendo io la disdetta del servizio alice come mai ora riesco a connettermi ancora con la loro linea ? Come posso comportami per risolvere questo problema ?

    1. Salve Giusy,
      dovrebbe accertarsi con la Telecom che tipo di profilo ha attivo.
      Potrebbe anche darsi che abbia una tariffazione a tempo, consuma solo in base a quanto tempo naviga.
      Fino a quando non le è attivo il servizio adsl di Tiscali che prevede la connessione con il modem a noleggio del provider, continuerà ad avere attivo il servizio della Telecom.
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

    1. Spetta a te decidere se ritornare con il precedente Operatore o rimanere con il nuovo gestore.
      I 10 gg. del ripensamento decorrono dall’attivazione del servizio. Recedere prima potrebbe comportare il rischio di rimanere senza linea se la comunicazione perviene all’operatore nel momento del distacco.

  59. salve, sono enrico
    il 13 novembre ho sottoscritto, solo vocalmente, un contratto con teletu. Mi avevano detto che mi avrebbero contattato per l’attivazione della linea ma non avendo ricevuto notizie nei termini prescritti ho disdetto telefonicamente e ho fatto un contratto con telecom….finché ieri non mi è arrivata una bolletta teletù di 134 euro per un numero di telefono fisso che non è il mio (squilla a vuoto)! posso contestare il fatto di non aver sottoscritto nulla?grazie

    1. Salve Enrico,
      la registrazione vocale vale come un contratto in quanto è richiesto il consenso del titolare. A questo però deve seguire l’invio della documentazione contenente tutte le informazioni sul profilo tariffario scelto.
      La mancata restituzione della documentazione firmata non invalida il contratto.

      Il recesso che lei ha fatto per telefono non rispetta le forme prescritte per l’esercizio del diritto di ripensamento e pertanto non le è stato accettato.
      Non vedo una chiara possibilità di aver ragione ma dato che la conciliazione è un arbitrato ed è gratuito faccia un tentativo.
      Occorre fare reclamo in prima istanza davanti all’Operatore e successivamente promuovere un tentativo di conciliazione. Le motivazioni del reclamo possono essere il ritardo dell’attivazione del servizio,nel qual caso può chiedere un indennizzo se sono stati superati i 30 gg. dalla registrazione il mancato invio della documentazione a seguito della registrazione ecc.
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  60. salve io ho stipulato on line un contratto con infostrada il giorno 18/02/20014 ad oggi non hanno ancora attivato la linea e loro non sanno darmi informazioni volevo recidere il contratto mi date un aiuto grazie

    1. Salve Pasquale,
      di norma la migrazione si conclude entro 10-15 giorni salvo problemi di natura tecnica. Se vuoi rimanere con il tuo vecchio Operatore puoi esercitare il diritto al ripensamento che puoi esercitare entro 10 gg. lavorativi dalla conclusione del contratto. Il modello lo puoi scaricare dallo stesso portale Trovatariffe in cui sono già indicati i riferimenti normativi.
      Una volta compilato lo devi spedire tramite racc. a/r entro il termine sopraindicato.
      Per altre informazioni contattaci
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  61. sul sito della telecom ho visto un offerta da stipulare via internet e ritenendola conveniente ho richiesto l attivazione a telecom di INTERNET PACK CASA via internet il 23 gennaio, dopo qualche giorno mi danno appuntamento il 3 febbraio per l installazione ma non si presenta nessuno, alle 11 chiamo il 187 per chiedere spiegazioni, mi dice che non verrà nessuno perchè hanno avuto un problema con l indirizzo e mi da un altro appuntamento per il il 10 febbraio! il 10 febbraio finalmente mi attivano la linea e mi danno il modem. il 17 febbraio ricevo il contratto a casa da telecom da firmare e rispedire nel quale scopro che parla di INTERNET SENZA LIMITI, un altro prodotto che io non ho richiesto e tra l altro costa di più! chiamo il 187 per chiedere chiarimenti e mi dicono che non c è nessun errore e che io avrei attivato internet senza limiti il 3 febbraio con una chiamata al 187!!! ma come è possibile?! io non l ho mai richiesta!!! l unica telefonata che ho fatto il 3 febbraio a telecom era per chiedere dove erano finiti i tecnici che non arrivavano!! faccio in tempo ad esercitare il diritto di recesso senza pagare penali?! non ho fatto nessun contratto telefonico e non ho firmato nulla ancora.. grazie

    1. Salve Ciro,
      il diritto di ripensamento è esercitabile entro 10 gg. dall’attivazione del servizio, come stabilisce il contratto.
      Se non hai provveduto in tempo a recedere puoi fare reclamo alla Telecom per averti attivato un servizio diverso da quello richiesto.
      Loro hanno l’onere di dimostrare che hai effettuato la registrazione del contratto per telefono.

      Se non ti rispondono o ritieni non soddisfacente la loro risposta puoi promuovere il tentativo di conciliazione davanti al Co.Re.Com della tua Regione e in tale sede puoi chiedere il cambio del profilo tariffario e un indennizzo per l’attivazione del servizio non richiesto.
      Per altre informazioni contattaci e scusa per la risposta tardiva.

      Antonio
      Staff Trovatariffe

  62. Ciao,ieri al centro commerciale parlando con i ragazzi che hanno il banchetto piazzato lì,ho sottoscritto una proposta di attivazione a casa mia,siccome non ho telefono ne ci sono altri operatori mi hanno detto sottoscriva la proposta così vediamo se possiamo allaciarla,e cmq non si preoccupi non è un contratto perchè il contratto si perfeziona con la telefonata\registrazione che la compagnia telefonica fa,siccome ripensandoci non mi interessa legarmi a nessuno perchè non mi interessa,nulla è dovuto perchè cmq la proposta non si è perfezionata in quanto se mi chiamano io dico no,oppure devo cmq mandare disdetta anche se non ho in mano nulla?e se si che moduli?cosa dovrei fare per essere tranquillo?grazie a chi mi risponde…grazie.

    1. Salve, rispondo ai commenti in ordine cronologico di arrivo :
      @ Vittoria,
      il diritto di ripensamento può essere esercitato entro 10 gg. lavorativi dalla conclusione del contratto, termine che è stato superato.
      Se lei ha conservato la ricevuta della raccomandata inviata a suo tempo, possiede la prova documentale da far valere in sede di contestazione per l’annullamento delle fatture e la risoluzione del contratto.
      Le consiglio di procedere come di seguito indicato:
      contesti le fatture con una raccomandata a/r inviata ad Infostrada motivando di aver risolto il contratto a Luglio 2013 e allega una fotocopia della raccomandata inviata a Giugno.

      Se non le rispondono oppure non accolgono le sue richieste deve promuovere un tentativo di conciliazione presso il Co.re.Com della sua Regione compilando il modello Ug. Nello stesso modello può chiedere un indennizzo per i disservizi ricevuti: mancata attivazione del servizio per il periodo decorrente dai 30 gg. successivi alla conclusione del contratto e mancata risoluzione del contratto.

      Il procedimento è gratuito e lei può partecipare direttamente o tramite un suo delegato che può essere una persona di sua fiducia anche non avvocato.

      Può rivolgersi anche ad una associazione di consumatori che richiede però il pagamento della quota di iscrizione: Aduc Adusbef per citarne alcuni

      Il risarcimento danni non è possibile chiedere in sede di conciliazione in quanto l’ufficio amministrativo non ha competenza su questa materia che è di stretta spettanza del Giudice di pace o del Tribunale a seconda dell’entità dell’importo.
      Per ulteriori chiarimenti ci contatti.

      @ Saverio
      l’addebito sul conto corrente tramite il rid bancario è uno dei mezzi di pagamento più utilizzati che viene chiesto alla sottoscrizione di un contratto. In ogni modo l’addebito sul conto le viene fatto nel giorno di scadenza della fattura pertanto se ci sono degli errori può tempestivamente bloccare l’addebito contattando la banca e nello stesso tempo contestare la fattura con raccomandata all’operatore per il riconoscimento del suo diritto.

      @ Andrea
      la proposta di attivazione che ha firmato dovrebbe contenere gli elementi per capire se si tratta di un contratto o meno.
      Se é un contratto come suppongo che sia, dovrebbe essere indicata la possibilità di recedere entro 10 gg. inviando una raccomandata a/r.
      Conservi la ricevuta per tutelarsi da eventuali pretese creditorie.

      Per altre informazioni contattateci,
      saluti a tutti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

      P.S.
      A titolo informativo: chi decidesse di sottoscrivere un nuovo abbonamento consigliamo di procedere on line tramite il servizio Trovatariffe, dai link della pagina di comparazione.
      In tal modo possiamo migliorare il servizio a voi offerto.
      Grazie!!

  63. salve ho sottoscritto un contratto con eni luce.l’operatore mi chiesto il rid bancario.volevo sapere se questa per loro è normale amministrazione oppure mi devo aspettare qualche sorpresa alla prima bolletta
    grazie

  64. Buongiorno,
    vorrei avere un consiglio per un passaggio operatore che è stato effettuato contro la mia volontà!
    Verso metà Gennaio 2013 decido di cambiare gestore di telefonia fissa e richiedo l’attivazione di Infostrada sulla mia linea di casa. Ricevo i documenti contrattuali e a fine Gennaio inizia l’incubo… Ogni mattina arrivano decine di chiamate automatiche che mi avvisano dell’imminente passaggio, ma di settimana in settimana la data di completamento viene spostata e tantomeno ricevo il modem. Dopo aver chiamato parecchie volte il 155 per avere chiarimenti, e passati alcuni MESI di odissea con il telefono che squillava in continuazione con quel maledetto disco, a Luglio 2013 vengo a capo della situazione (dopo decine di chiamate, con relative informazioni diverse ogni volta) e invio una A/R al servizio disdette di Infostrada chiedendo di non attivare più il servizio da me richiesto. Finalmente torna la calma e penso di essermi liberata di questi truffatori, ma mi attende una bella sorpresa… Martedì scorso, 4 Febbraio 2014, non mi funziona il telefono di casa, non riesco nè a chiamare nè a ricevere! Chiamo il 187 per segnalare il guasto, e scopro di non essere più cliente Telecom dal 30 Gennaio di quest’anno… Infostrada mi ha attivato il servizio a distanza di UN ANNO!!! E soprattutto dopo la mia richiesta di disdetta di ben 7 MESI FA! Inutile dire che sono furiosa, ma la mia rabbia è aumentata quando, dopo aver chiamato il 155 per avere spiegazioni, mi è stato detto (con arroganza, tra l’altro) che a loro non risultano nè le diecimila chiamate che ho fatto, e tantomeno la raccomandata di disdetta di Luglio 2013. Mi hanno detto che posso esercitare il diritto di recesso entro 10 giorni lavorativi, e sto preparando la raccomandata proprio oggi, ma la mia domanda è questa: possono fare una cosa del genere passandola liscia, o posso far valere i miei diritti di consumatore “truffato” e chiedere un risarcimento danni? Come se non bastasse è da 4 giorni che il mio telefono non funziona! Per favore, potete darmi indicazioni su come muovermi? Non ho la possibilità di rivolgermi a un avvocato, esistono associazioni consumatori che possono aiutarmi? Grazie!!

  65. Quindi devo fare un nuovo contratto con la Wind perchè l’altro non è più valido? Ed il numero di telefono rimane lo stesso? Perchè nel frattempo ho chiamato la wind e ho chiesto se potevano aggiornare il contratto con una delle nuove offerte del momento ed il costo per il cambio è di 20 euro, non vorrei che a queste si aggiungessero anche i costi di disattivazione da infostrada… Grazie

    1. Se si trova ancora sotto Infostrada è plausibile che il distacco non avvenga. In questo caso il ripensamento blocca il trasferimento e non deve pagare nessun costo di disattivazione.

      Nel caso in cui avvenga invece il trasferimento a Tiscali, come ho detto nel precedente post, lei ha la possibilità di mantenere il numero comunicando il codice di migrazione al nuovo operatore.
      Infostrada le addebita i costi di disattivazione per il passaggio di operatore mentre Tiscali non le addebita nessun costo.
      Dovrebbe aspettare per vedere come si evolve la situazione prima di effettuare passaggi ad altri piani tariffari.

      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  66. Salve. Ho stipulato un contratto online sul sito della tiscali per la linea adsl + voce 20 mb in data 22 gennaio 2014. Il 25 gennaio ci ho ripensato ed ho deciso di rimanere con il mio attuale gestore telefonico (Wind-Infostrada). Ho così inviato prima un fax e poi una raccomandata per il diritto di recesso. Per scrupolo qualche giorno dopo ho chiamato anche il 130 per chiedere se avevano ricevuto le mie comunicazioni, mi hanno detto di si e mi hanno spiegato che è stata già attivata la migrazione e che è un processo irreversibile. Mi hanno assicurato che io non pagherò nulla ed hanno aggiunto che mi contatteranno per darmi il codice di migrazione da comunicare al mio attuale operatore (Wind-Infostrada). A questo punto però non capisco: se devo comunicare il codice migrazione alla mia attuale compagnia telefonica significa che devo stipulare un nuovo contratto e pagare gli eventuali costi di disattivazione/riattivazione della linea a Wind-Infostrada oppure il mio attuale contratto con Wind rimane valido? Spero possiate aiutarmi a capire! Grazie Mille

    1. Salve Roberta,
      il diritto di ripensamento non viene meno al verificarsi del passaggio del servizio adsl e telefono ad altro gestore ma dall’avvenuto decorso dei 10 gg. dalla conclusione del contratto.
      Durante detto periodo si può verificare benissimo che il trasferimento si perfezioni dando la possibilità al cliente di provare il servizio e di decidere se ritornare con il vecchio operatore esercitando il diritto di ripensamento nelle forme prescritte dalla normativa senza sostenere i costi di disattivazione.

      Dato che il trasferimento della linea è presa in carico dal nuovo gestore, deve provvedere lei nuovamente a comunicare il codice di migrazione come le ha riferito correttamente Tiscali.
      Il vantaggio che si ha nella situazione in cui è avvenuto il trasferimento o sta per realizzarsi è che lei può scegliere di stipulare un nuovo contratto sia con l’operatore da cui proveniva che con qualsiasi altro usufruendo in entrambi i casi delle promozioni.

      Tiscali le potrà addebitare solo quei costi relativi al traffico generato nel periodo in cui è stato loro abbonato

      Per ultimo la informo che la procedura telematica per abbonarsi è effettuabile tramite il sito Trovatariffe
      che le offre oltre la possibilità di visualizzare le promozioni del momento anche di fare una simulazione dei consumi telefonici.
      Dai link della pagina accede direttamente sul sito istituzionale dell’operatore prescelto dove con semplici passaggi completa la procedura.

      Per altre informazioni ci contatti
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  67. Teletu mi ha attivato la linea il 17 di dicembre 2013
    a tutt’oggi 27 Gennaio 2014, non ho ancora potuto usufruire del servizio per un guasto che non riescono a risolvere . La mia domanda è: posso recedere dal contratto senza pagare la penale? Se posso cosa debbo fare?
    Grazie anticipatamente per la risposta.

    1. Salve rispondo ai commenti in ordine cronologico di arrivo :

      @Giovanna

      la conclusione del contratto e il recesso sono disciplinati da diverse clausole:

      il contratto di Teletu in base all’art. 4.3 delle CGC è concluso a seguito dell’accettazione manifestata dall’Operatore che avviene mediante attivazione del primo dei servizi richiesti dal cliente.

      Il recesso per ripensamento, entro i 10 gg. senza costi di disattiv., decorre dall’attivazione del primo servizio oppure dalla conferma scritta delle informazioni previste dall’art.52 del D. Lgsl. 206/05, punto 9.1 del contratto.
      Si tratta in sostanza della lettera di benvenuto in cui le vengono date le informazioni sul piano tariffario prescelto.

      In caso di mancanza di tale comunicazione scritta, il cliente può esercitare il diritto di ripensamento entro 3 mesi dalla conclusione del contratto.

      Per esercitare il diritto al ripensamento deve inviare una raccomandata a/r che può anticipare via fax a cui deve seguire entro 48h la raccomandata.

      Dato che Teletu ha già perfezionato la migrazione, la richiesta di trasferimento deve inoltrarla al nuovo operatore, articolo 9.2 delle CGC, chiedendo il codice di migrazione a Teletu tramite email o il servizio clienti.

      Il contratto con il nuovo operatore è sottoscrivibile on line tramite il servizio trovatariffe che effettua periodicamente una comparazione delle promozioni in corso.

      Per altre informazioni ci contatti-

      @Marcello

      Il termine di dieci gg. per esercitare il diritto al ripensamento decorre dall’attivazione del servizio, art. 3 delle CGC di Fastweb. La registrazione vocale vale come contratto anche senza la firma dei documenti che le vengono inviati successivamente, in quanto vi è l’esplicito accordo.

      @Laura

      Bene, sono lieto che i consigli le siano stati d’aiuto.
      La sua esperienza è certamente utile a chi si venga a trovare nella sua stessa situazione.

      Per altri chiarimenti ci contatti

      @Alessia

      Il ripensamento è esercitabile per i contratti residenziali stipulati “a distanza” o fuori dai locali commerciali entro 10 gg. dalla conclusione del contratto. Teletu dispone che il termine decorre dall’attivazione del servizio.
      Nel caso in cui non è stato attivato il servizio vale quanto scritto nel commento sopra @ Giovanna.

      L’operatore non può impedire al cliente di recedere dal contratto nè applicare penali per chi decide di avvalersi della procedura sopra descritta.

      @Alfonso

      Il passaggio ad un altro profilo dello stesso operatore non trova nel contratto una specifica disciplina.
      Per logica si potrebbe affermare che è possibile esercitare il diritto al ripensamento se si tratta di un nuovo contratto.

      Pertanto è’ da ritenersi una procedura rimessa alla discrezionalità dell’Operatore per cui è necessario sentire il servizio amministrativo.

      Per altre informazioni ci contatti

      @Manuela

      Se non può esercitare il diritto al ripensamento, come scritto nella risposta a @Giovanna può avvalersi dell’istituto della risoluzione per inadempimento dell’altra parte.
      Si tratta di inviare una intimazione ad adempiere nei confronti di Teletu, in cui chiede sinteticamente
      la riparazione del guasto,
      il termine entro cui adempiere, in questi casi è ridotto a 48h,
      il ricorso alla conciliazione del Co.re.com per chiedere la risoluzione del contratto se non viene riparato entro detto termine. Nella eventuale richiesta di conciliazione ha diritto di cheidere un equo indennizzo per il disservizio ricevuto pari ai giorni del guasto.

      Per altre informazioni ci contatti

      Saluti a tutti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

      P.S.
      A titolo informativo: chi decidesse di sottoscrivere un nuovo abbonamento consigliamo di procedere on line tramite il servizio trovatariffe, dai link della pagina di comparazione.
      In tal modo possiamo migliorare il servizio a voi offerto.
      Grazie

  68. schettino alfonso

    Sono cliente Infostrada. Per aderire ad un’altra offerta conveniente sempre con Infostrada ho fatto tramite web la procedura per il passaggio all’offerta . visto che ho avuto un ripensamento con tale offerta, volevo sapere se lo stesso devo fare la disdetta anche se trattasi sempre di Infostrada

  69. Salve il 13/11/2013 ho concluso un contratto telefonico con teletu, dopo una settimana o poco più’ e’ arrivato il modem, poi sono arrivate comunicazioni da teletu CH la linea sarebbe stata attivata il giorno tot ma alla’avvicinarsi della data ne arrivava un’altra che lka posticipava; ad oggi la linea non e’ attiva e io non voglio piu,’ l’attivazione ma alloro detta e’ obbligatoria e poi posso recedere dal contratto pagando la penale…possibile che devono attivare per forza il servizio?

  70. Grazie Antonio del consiglio. Ho fatto la lettera di ripensamento – recesso, inviato il fax il 10/01 (che detto dagli operatori della Teletu non serve a nulla) e poi inviato una raccomandata con tutte le spiegazioni possibili aggiungendo che quel stesso giorno (13/01) avevo rifiutato il modem. In caso di non voler attivare il servizio gli operatori (per mail e telefono) dicono di dover telefonare al numero verde a pagamento 848…, ho fatto una decina di telefonate in diversi giorni fino a quando mi a dato l’opzione di parlare con un operatore che mi ha informato di mandare una raccomandata con allegata la fotocopia della Carta d’Identità, la registrazione chiedendo di cancellare la registrazione del contratto non esiste. Dico questo a fin di fare risparmiare tempo e soldi a chi vuole recedere dal contratto. Ho anche comunicato via mail 4/5 volte il rifiuto del modem e nessuno a capito niente, volevano ancora che telefonassi/scrivessi per riferirlo, addirittura di registrarmi nuovamente per comunicarlo. Una volta fate le comunicazioni pertinenti ho cancellato la registrazione al sito per non avere più contatti. Ad oggi continuo con il servizio che ho da parecchi anni. Grazie.

  71. Sono passati oltre venticinque giorni dal contratto telefonico, e fastweb tarda ad attivarmi il servizio lasciandomi senza linea telefonica. Inoltre non risponde alle mie richieste di chiarimenti espresse tramite il servizio on line. Non mi hanno consegnato alcun materiale.
    I dieci giorni previsti per il ripensamento partono dal momento dell’attivazione del servizio o dal contratto telefonico?
    Preciso che ancora non ho firmato e non ho rimandato indietro la proposta ricevuta tramite mail.
    Questo contratto telefonico è valido? Presenta dei vizi per i quali si può recedere?

  72. Salve! ho richiesto il passaggio alla linea teletu.. Mi hanno fornito il router e Mi risulta attivo il servizio giorno 9 gennaio 2014.Ancora oggi non riesco ad avere attiva ne la linea ne l ADSL! Voglio recedere il mio contratto.. Devo pagare la penale nonostante io non stia usufruendo di alcun servizio? Grazie.

  73. Salve, il 30/11 ho fatto il contratto a distanza e ancora oggi non ho ricevuto il modem ne l’attivazione del servizio. Vorrei recedere dal contratto, bloccarlo e rimanere con l’operatore attuale. Oggi Teletu mi ha detto di rifiutare il modem quando arrivi e di chiamare un numero (848) per registrare la “disdetta” però non mi è stato possibile comunicarmi. Cosa faccio?. Grazie del consiglio.

    1. Salve Laura,
      spedisca subito una raccomandata esercitando il diritto al ripensamento il cui modello può scaricare dal nostro portale.
      La racomandata a/r è il mezzo più efficace per le comunicazioni tra cliente ed operatore e la ricevuta costituisce una prova documentale nell’eventualità che insorgessero contestazioni.

      Se le arriva nel frattempo il modem faccia come le hanno consigliato e se Teletu non blocca in tempo il processo del passaggio sulla linea ci ricontatti sul Blog.
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  74. salve oggi mi è arrivata la adsl.Volevo sapere la rispedisco a teletù nel momento in cui mi arriva la ricevuta di ritorno oppure posso già farlo ora grazie

    1. Salve Saverio,
      il modulo del diritto al ripensamento deve inviarlo tramite raccomandata altrimenti non è efficace.
      Se la procedura viene bloccata in tempo prima del passaggio ad altro operatore lei ritorna con la Telecom altrimenti deve chiedere il codice di migrazione. Nel contratto di Teletu sono previsti tali passaggi.
      Per esempio il 20 novembre lei ha fatto il contratto.
      Da tale giorno decorrono 10 gg. lavorativi per esercitare il diritto al ripensamento. Ipotizziamo che lei invii la racc. il 2 dicembre, data che rispetta il termine del ripensamento, fà fede il timbro postale, difficilmente blocca il passaggio che è fissato per il 4 dicembre.
      Pertanto da quando le attiveranno il servizio può chiedere a Teletu il codice di migrazione, tramite email è meglio, in modo da poter ritornare con il precedente Operatore. Sottoscrivendo la nuova offerta lei ha il vantaggio di usufruire della promozione che è riservata alle nuove attivazioni.
      Come ho scritto nel precedente post l’abbonamento lo può sottoscrivere on line tramite il sito trovatariffe.
      Per altre informazioni ci contatti.
      Saluti
      Antonio
      Staff trovatariffe

  75. Buonasera sono stato contattato oggi pm da un operatore teletu , il quale mi ha riferito che il cod di migrazione si puo’avere solo una volta attivata la linea adsl con teletu inoltre mi ha riferito che una volta fatta la disdetta non posso più’ tornare con il mio vecchio operatore “telecom”, e’ vero?
    Cosa si intende con procedura interrotta a voce?

  76. volevo sapere dopo aver compilato il modulo di diritto al ripensamento per sapere che tutto sia andato a buon fine cosa devo fare:aspettare una mail da parte di teletu oppure spedire una lettera raccomandata specificando che io non sono intenzionato al loro servizio “tutto compreso per sempre” grazie

  77. salve sono saverio ho compilato il modulo di diritto al ripensamento.volevo sapere per ritornare alla telecom come mi devo comportare

    1. Saverio, invia all’indirizzo di posta che trovi nell’intestazione del modello la lettera del diritto al ripensamento completo della data e della firma e allega la copia della carta di identità.
      La lettera è da inviarsi tramite raccomandata a/r e conserva la ricevuta di ritorno. La raccomandata può essere anticipata tramite fax a cui deve seguire la spedizione entro 48h.

      Se nel frattempo Teletu procede con l’attivazione dell’adsl devi contattare il servizio clienti per chiedere il codice di migrazione e comunicarlo alla Telecom oppure ad un altro operatore più conveniente che puoi consultare sul portale trovatariffe.
      Se invece la procedura viene interrotta ti ripristinano il servizio adsl e voce con il vecchio operatore.

      Saluti
      Antonio
      Staff trovatariffe

  78. salve ho fatto un contratto con tele tu il 20 novembre 2013 e visti i commenti negativi volevo disdire il contratto sono ancora in tempo grazie

    1. Salve Saverio,
      eccome se sei in tempo. Il termine per esercitare il diritto al ripensamento è di 10 gg. lavorativi dalla conclusione del contratto. Puoi scaricare il modello del diritto al ripensamento dal blog trovatariffe.
      Per altre informazioni consultaci.

      Saluti,
      Antonio
      Staff trovatariffe

  79. Buonasera,
    a fine settembre contato Fastweb, per chiedere la variazione del piano telefonico e nel contempo contratto uno sconto aggiuntivo d 5 euro per 12 mesi (come compensazione delle spese di cambio e dei ripetuti adeguamenti ultimo miglio. Ricevo conferma per email di quanto concordato e nell’email mi si dice che entro 5 giorni il tutto verra fatto. Non ricevo l’email di conferma nei termini previsti. Ricontatto il call center che mi dice che ci sono problemi tecnici con la mia pratica di portare pazienza (questo si ripete più volte). Il 10 ottobre ricevo una telefonata da FAstweb che mi dice che ci sono problemi e mi propone di avere solo lo sconto o solo il passaggio, aggiungono nel caso ci richiami dopo che abbiamo emesso almeno una fattura che vediamo di farle lo sconto. Data l’assurdità della cosa dico all’operatore che a questo punto non mi interessa e di lasciare stare che mi arrangio in altro modo. Il giorno stesso faccio un contratto con Infostrada. Il giorno 16 ottobre ricevo una proposta di retention che rifiuto, nel contempo mi dicono che mi era stato cambiato il piano il gorno 14 (strano proprio il giorno che ricevono la richiesta di migrazione da parte di Infostrada).
    Ribadisco che non è mia intenzione pagare il costo di cambio ed invio una diffida, con raccomandara AR evia fax, ad addebitare il cambio piano (dettagliando i motivi), non più richiesto e non operato nei termini e nelle condizioni concordate. Ai primi di novembre ricevo la fattura, ovviamente con il costo di cambio piano e senza sconto aggiuntivo concordato (l’email di conferma non è mai arrivata). A questo punto contatto il call center, anche per chiedere come pagare la quota di fattura non oggetto del contentendere, mi dice che mi ricontatteranno. Ovviamente ad oggi nessumo mi ha richiamato, per questo invio un’ulteriore reclamo dove ribadisco che non pagherò le spese di cambio piano e di dirmi come pagre la quota di fattura non contestata. Il nulla. Ieri mi viene finalmente attivata la linea Infostrada (lasciamo perdere come). Chiedo se bloccando il pagamento della fattura (scade il prossimo 25 novembre) sono nel giusto (data la diffida e il successivo tentativo di pagare solo la quota parte non oggetto del contentendere a cui Fastweb non ha dato nessun riscontro). Se non erro è facoltà dell’utente, in caso di reclamo su una fattura, sospendere il pagamento.
    Grazie e scusate per la lunghezza del messaggio.
    Marco

    1. Salve Marco,
      i termini di pagamento sono sospesi in caso di contestazione, bisogna però pagare la cifra, stornandola dalla fattura, che si ritiene corretta.
      L’esito del reclamo può essere:
      -di mancata risposta entro 45 gg. che le consente di promuovere un tentativo di conciliazione presso il Co.Re.Com. del Capoluogo della sua Regione;
      -di rigetto o parziale rigetto del reclamo. Se ritiene non adeguate le motivazioni di rigetto può procedere nel far valere il suo diritto presso il Co.re.com;
      -di accoglimento.

      Per altre informazioni ci contatti,
      saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  80. Salve, ho sottoscritto l’offerta Joy di Fastweb online il 1° ottobre (contratto sottoscritto inviato via fax qualche giorno dopo). Sono ormai passati 49 giorni e prima mi han fissato appuntamento col tecnico Telecom per l’attivazione il 28/10, poi il 31/11: in entrambi i casi non si è presentato nessuno. Io continuo a chiamare il loro customer care, in cui rispondono operatori che a fatica capiscono l’italiano (peraltro lo faccio da cellulare, quindi lascio immaginare i costi), ma o mi dicono che sarò richiamato in giornata o mi rimbalzano da un operatore ad un altro finché non risponde un “operatore”, si sentono rumori di sottofondo e cade la linea. Un’operatrice si è lasciata sfuggire che Telecom ha bocciato l’attivazione, che non so cosa implichi, e peraltro non mi chiamano per informarmi della cosa. Rientriamo nel caso di attivazione oggettivamente impossibile, che mi permette la risoluzione per impossibilità sopravvenuta, senza costi aggiuntivi per me? Come dovrei comportarmi?
    Grazie

    Cordiali Saluti
    Andrea

    1. Salve Andrea,
      siamo ai limiti della scadenza dell’attivazione che nella Carta dei servizi è compreso nell’intervallo di 45-55 gg.
      Superato tale limite maturi il diritto ad un indennizzo.

      Non credo che tu possa esercitare la risoluzione per inadempimento dell’altra parte secondo il disposto dell’art.1463 del c.c. in quanto non si è perfezionato il contratto secondo quanto stabilito da Fastweb che fà coincidere la conclusione all’atto dell’attivazione del servizio.
      Neanche in teoria potresti esercitare il diritto al ripensamento per lo stesso motivo per cui non puoi esercitare la risoluzione per inadempimento.
      L’unico atto giuridico che puoi esercitare è quello di revocare la tua dichiarazione di accettazione che devi comunicare tramite una raccomandata a/r .
      Conserva la ricevuta per tutelarti da eventuali contestazioni.
      Per altre informazioni contattaci,
      Saluti
      Antonio
      Staff trovatariffe

  81. Fabio Di Graziano

    Salve, una settimana fa ho completato il form online per l’attivazione di un’offerta solo dati di Fastweb (indicando anche l’iban per l’addebito del rid bancario sul mio cc). Ho ricevuto immediatamente una mail da FW con in allegato le condizioni generali del contratto e altre delibere da firmare e inviare via posta al loro servizio clienti. Per vari motivi non voglio più stipulare alcun contratto con FW, per cui non ho inviato nessun documento firmato. Devo inviare anche una raccomandata per esprimere la mia volontà o posso star tranquillo che non mi sarà addebitato nulla sul mio cc?
    Grazie,
    saluti

    1. Salve Fabio,
      per stare tranquillo devi seguire le procedure previste per il diritto al ripensamento. L’invio telematico dell’ordine è a tutti gli effetti un’accettazione della proposta contrattuale e anche se il passaggio successivo della riconsegna della modulistica non viene rispettata il contratto è valido ed efficace.
      La lettera deve essere inviata entro 10 gg. lavorativi dall’attivazione del servizio e deve contenere oltre che i dati personali, la dichiarazione di esercitare il diritto al ripensamento, il riferimento alla normativa che disciplina tale diritto.
      Puoi scaricare il modello dal blog trovatariffe.
      Per altre informazioni contattaci.
      Saluti
      Antonio
      Staff trovatariffe

  82. Buona sera, mi piacerebbe avere un vostro consiglio. siamo abbonati a Infostrada, il giorno 13 novembre ci chiama un’operatrice non si sa bene se di fastweb o di sky, parla con mio padre e gli dice che siccome gia siamo clienti sky insomma gli propone l’offerta homepack dicendo che l’attivazione è gratis ecc. ecc. A questo punto mio padre effettua la registrazione vocale e la tipa gli dice che finche non rispediamo i contratti firmati la cosa non è vincolante insomma… mi arriva una email bundle sky e fastweb, sembra un contratto lo guardo e vedo scritto contributo attivazione 119 euro! Ora non sappiamo che fare, mi conviene mandare raccomandata a\r per ripensamento o la cosa muore li senza restituire il contratto firmato? Se devo mandare la raccomandata a chi la mando a fastweb o a sky? tra l’altro ho la stampante rotta posso scriverla a mano? sottolineo che nessuno si è più fatto sentire per conferma, e sky al call center mi ha detto di dire al tecnico fastweb se viene che non sono più interessato. Insomma non vorrei che mi staccano la linea Infostrada! Mi piacerebbe avere un vostro parere grazie

    1. Salve Marco,
      il diritto al ripensamento è da esercitarsi anche se il contratto non viene firmato dal cliente, tramite le forme prescritte della raccomandata a/r che puoi anticipare via fax a cui deve seguire la racc. entro 24h.
      Il termine per esercitare il diritto al ripensamento è di 10 gg. lavorativi che decorrono dalla conclusione del contratto che nel contratto di Fastweb è individuato nell’attivazione del servizio. La lettera da inviare a Fastweb deve contenere i riferimenti alla normativa del diritto al ripensamento, che trovi compilando il modulo sul blog trovatariffe. La lettera la puoi scrivere anche a mano a condizione che sia leggibile. Conserva la ricevuta della racc. per eventuali contestazioni. Seguendo le modalità sopra descritte sei tutelato mentre dal punto di vista tecnico se ti è stato fatto il distacco della linea devi effettuare un altro step, comunicando il codice di migrazione di Fastweb a Infostrada.

      Un’ultima consiglio riguarda il costo di attivazione di Fastweb. Se hai deciso di recedere per il costo di attivazione guarda attentamente se questi sono in promozione. A noi risulta che questi vengono addebitati al cliente solo se questi recede prima dei 2 anni altrimenti sono gratuiti. Verifica nella lettera di benvenuto.
      Per altre informazioni contattaci,
      saluti
      Antonio
      staff trovatariffe

  83. Buona sera..in gennaio ho stipulato un contratto relax con vodafon senza telefono…a luglio mi chiama ripetutamente un numero a cui non rispondo…successivamente mi arr un sms dicendomi di rispondere che la vodafon ha un telefono in regalo per lei….rispondo…e l operatore mi propone uno sconto di 10 euro nell abbonamento e un telefono samsung s4….gli ho ripetuto moltissime volte che mi sembra strano ke mi regalino un telefono così costoso….rispose ke era un regalo e nn dovevo pagare assolutamente niente…appatto che rimanga con vodafon per 30 o 25 mesi….risposi ke quel contratto a me va benissimo…e sarei rimasto con vodafon per molto tempo anke senza regalo….comincia la registrazione del contratto….lo interrompo appena sento delle cifre…gli dissi che nn è vero ke è gratis…ma devo pagare….m rispose ke era solo una procedura ke doveva fare e d stare tranquillo ke nn devo pagare niente….m fido e vado avanti…impossibile ke essendo un cliente vodafon con piu sim mi venga a fregare….e invece lo sconto dei 10 euro nn c è stato…in piu mi accreditano il tel 15 euro al mese….mi sento ingannato….ho anche testimoni dell accaduto…ora li kiamo…e nn rispondono….ora voglio cambiare operatore…non mi interessa la portabilità del numero…dato ke ho amici ke hanno avuto problemi…le kiedo se blocco il rid bancario…e metto la sim in un cassetto….a cosa vado incontro? A vendere come ha fatto quel operatore…sono buoni tutti….ho pensato di rivolgermi anke al giudice d pace…ho ancora il num dell operatore….grazie mille….loris

    1. Salve Loris,
      prima di rivolgersi al giudice di pace deve promuovere un tentativo di conciliazione davanti al Co.re.com. del capoluogo della sua Regione.
      Il procedimento è gratuito e può contestare l’attivazione del servizio che non ha voluto e il comportamento scorretto del venditore, fattispecie previste dagli indennizzi in sede però di definizione della controversia.

      Se non contesta il credito, Vodafone continua ad addebitarle gli importi stabiliti nel suo contratto e i crediti non saldati vengono ceduti a società di recupero crediti con una maggiorazione della somma e il rischio di vedersi iscritto nel registro dei protesti.
      Si attivi quanto prima facendo ricorso al Co.re.com e contesti le fatture con raccomandata a/r motivando che ha presentato un ricorso al Co.re.com dopo aver bloccato il rid bancario
      Per altre informazioni ci contatti
      Saluti
      Antonio
      Staff Trovatariffe

  84. ho un contratto telecom dall’ottobre 2012, su contratto mi vincolano per 2 anni (promozioni scadute): Vorrei cambiare operatore le bollette troppo alte. il modem è stato acquistato da me. Ma per recidere contratto devo prima dei due anni ho penali da pagare, grazie

    1. Salve Laura,
      il vincolo che la lega alla Telecom è relativo al prezzo del contributo linea base di €97,60 che viene chiesto se il cliente recede prima del termine dei due anni. A parte è da considerare il costo della migrazione di €35,18 che è fisso indipendentemente dal tempo trascorso.

      Valuti se le conviene sottoscrivere un altro abbonamento in base allo sconto che può ottenere con il nuovo operatore servendosi del prospetto delle promozioni del mese che il servizio trovatariffe effettua periodicamente.
      Per altre informazioni ci contatti
      saluti
      Antonio
      Staff trovatariffe

  85. Buona sera,vorrei un consiglio. ho richiesto ,on line tutto da solo,l’abbonamento con infostrada absolute adsl ,mi è arrivata la conferma;mi hanno attribuito un numero cliente ed un nuovo numero telefonico,ma non ho firmato e inviato nulla!secondo lei posso ripensarci seza dare spiegazioni? o devo fare la raccomandata!grazie mille.

    1. Salve Angelo,
      l’invio telematico dell’ordine di abbonamento segue la stessa disciplina della registrazione vocale. Il contratto si ritiene concluso anche se il cliente non ha firmato nessun contratto.

      Alcuni operatori inseriscono nelle clausole la decorrenza della conclusione dall’attivazione dei servizi. In questa situazione il termine di ripensamento decorre dall’attivazione del servizio e non dal momento dell’invio telematico dell’ordine.

      Il ripensamento si effettua tramite lettera raccomandata a/r entro 10 gg. lavorativi dalla conclusione del contratto e fa fede la data accettazione al servizio postale.
      Nella lettera non occorre dare spiegazioni, basta semplicemente comunciare la volontà di eserictare il diritto al ripensamento citando la normativa che regola la materia. Si può servire del nostro servizio per la compilazione del modello del ripensamento.

      Ci sono casi in cui il servizio clienti ha accettato tramite telefono l’annullamento della pratica ma si tratta di casi limite che possono eventualmente dar luogo a contestazioni.
      Per altre informazioni ci contatti,
      saluti
      Antonio
      Staff trovatariffe

  86. Buona Sera , avrei bisogno della vostra esperienza per un dubbio . Nei giorni scorsi sono stato contattato da un operatore Vodafon , per una offerta . In pratica mi chiedono di passare da loro , con tariffe agevolate. Faccio presente che per telefono non stipulo alcun contratto , e mi risponde che mi manderà a casa per corriere una “proposta di contratto ” . Il giorno dopo arriva il corriere e assieme al plicco (forse dentro c’era un contratto ?) mi chiede di firmare una copia della “proposta” e la fotocopia della mia carta d’identità . A quel punto ho respinto il plicco . Il mio dubbio è avrei firmato un contratto ? Perchè volere la copia della carta d’identià ?
    Grazie per il tempo che mi dedicate

    1. Salve Fabio,
      se non ha effettuato la registrazione vocale e firmato nulla non si deve preoccupare.
      Non esiste nessun contratto con la Vodafone.
      La copia della carta di identità si allega alla documentazione cartacea per validare la firma del contratto che nel suo caso non c’è stato.

      Per altre informazioni contattaci.

      Saluti
      Antonio

  87. Aggiungo un’osservazione (ed una domanda): se recedo dal contratto Vodafone prima dei due anni, l’operatore del 190 mi dice che pago sia i 40euro di disattivazione/migrazione nonché 45euro di penale. Nelle condizioni generali di contratto reperibili sul sito della Vodafone, non c’è l’importo di questa penale

    1. Salve Dott.Alfredo,
      nel contratto alla voce recesso non è indicato l’ammontare esatto della disattivazione per la promozione ma è utilizzata l’espressione generica di chiedere “un importo forfettario a copertura degli sconti e/o delle promozioni speciali usufruite dal cliente.”

      Sul sito della Vodafone sono specificati i prezzi per la decadenza dalla promozione che prevedono oltre i 45€ anche il pagamento in unica soluzione delle rate mancanti del contributo di attivazione.
      Bisogna vedere se queste condizioni erano le stesse di quando lei ha stipulato il contratto. Solitamente l’operatore invia una lettera di benvenuto al nuovo cliente quando sottoscrive l’abbonamento in cui sono pubblicati il costo della promozione, la durata e il costo del recesso.
      La lettera di benvenuto e le disposizioni sul sito integrano le clausole del contratto.

      Per altre informazioni o per sottoscrivere un nuovo abbonamento può consultarci sul blog oppure utilizzare il servizio del preventivo tariffario.
      Saluti
      Antonio

      @Francesca
      Sono contento che abbia risolto con una telefonata!
      A volte il servizio clienti si mostra capace di rimediare ai disservizi sollevando il cliente dall’affrontare lungaggini burocratiche.
      Per altre informazioni puoi contattarci quando vuoi.

      Saluti
      Antonio
      Staff trovatariffe

  88. Buona sera, aggiornamento fresco fresco: ho appena contattato il 155 e l’operatore mi ha confermato che la linea con Infostrada è chiusa, il contratto è stato annullato e posso buttare via il contratto cartaceo, in quanto spedito prima della mia disdetta con le operatrici Infostrada.
    Esprimo la mia soddisfazione e un plauso ad Infostrada che non ha effettivamente dato corso all’attivazione della linea.
    Ancora grazie per l’attenzione.
    Francesca

  89. Gentile Antonio, grazie mille per la sua risposta.
    Contatterò il 155 spiegando la situazione e la terrò informata sugli sviluppi.
    D’ora in poi…sempre raccomandate a.r.!!
    Cordiali saluti.
    Francesca

  90. Buona sera da Francesca. Chiedo cortesemente il vostro aiuto in merito a quanto segue:
    in data 5/10, dopo varie telefonate, un operatore di Infostrada mi convince a aderire all’offerta All Inclusive per rete fissa, assicurandomi che, per il cambio di operatore (da Vodafone) avrei pagato solo 10 euro ad Infostrada, che si sarebbe accollata ogni costo di disattivazione.
    Alle mie insistenti perplessità, dovute alla corresponsione di euro 40 a Vodafone per il recesso anticipato dal contratto con Vodafone Station, l’operatore assicurava che non avrei dovuto pagare niente, in quanto Infostrada si sarebbe accollata ogni spesa.
    Decido così di procedere con la registrazione per l’accettazione.
    In seguito vengo contattata dal servizio clienti di Infostrada per la conferma della registrazione. Faccio nuovamente presente il fatto dei 40 euro dovuti a Vodafone e l’operatrice mi avvisa che questi soldi avrei dovuto pagarli io e non Infostrada! Allora dico che non intendo confermare il passaggio ad Infostrada; al che l’operatrice mi chiede se voglio rimanere con Vodafone, rispondo di sì e l’operatrice mi risponde che avrebbe annullato tutto.
    Il giorno dopo mi contatta il servizio qualità di Infostrada; l’operatrice mi dice di aver ricevuto il KO alla mia registrazione del 5/10 e mi chiede il motivo. Rispondo che non volevo pagare il costo di disattivazione a Vodafone e che avrei atteso la naturale scadenza del contratto con Vodafone prima di pensare ad un cambio operatore. Chiedo se dovevo mandare una comunicazione scritta ad Infostrada e l’operatrice risponde di no, poiché non risulta attivo nessun contratto con Infostrada, a seguito della mia mancata conferma.
    Oggi 18/10 ricevo il contratto cartaceo da Infostrada (datato 5/10) con preghiera di restituirlo firmato.
    Ora chiedo: come devo comportarmi? Devo rispedire il contratto non firmato con su scritto “annullato telefonicamente”? E’ meglio che chiami il 155 per spiegare tutta la faccenda?
    Grazie per l’aiuto che vorrete darmi! Cordiali saluti.
    Francesca

    1. Salve Francesca,
      la complessità della sua situazione sta nel fatto che lei non ha esercitato il diritto di ripensamento mediante la raccomandata che è la forma richiesta dalla normativa che regola tale diritto e costituisce la prova documentale da opporre in caso di contestazione.
      La registrazione vocale che lei ha fatto vale già come contratto e il cartaceo che le è stato mandato per la firma in realtà è una formalità la cui mancata riconsegna all’operatore non viene sanzionata.

      La procedura da seguire dipende dalla possibilità che ha lei di dimostrare la responsabilità delle operatrici nell’averla indotta a fare il contratto facendole credere che non avrebbe sopportato i costi di disattivazione e che non era necessario inviare una comunicazione scritta per esercitare il diritto al ripensamento. Se riesce a dimostrare uno dei suddetti casi può presentare un reclamo ad Infostrada e se non le viene accolto può rivolgersi al Co.re.Com. della sua regione.
      Se non le riesce di dimostrare uno dei fatti sopra elencati difficilmente potrebbe riuscire ad ottenere l’annullamento del contratto.

      Per altre informazioni ci contatti
      Saluti
      Antonio
      Staff trovatariffe

  91. Buongiorno,
    ho stipulatto un contratto adsl , in un centro commerciale, non nei locali del venditore, bensì nei chioschi mobili.
    Vale lo stesso la possibilità di recedere entro 10 gg.

    Grazie
    Sergio

    1. Salve Sergio,
      si tratta di una vendita fuori dal locale commerciale del venditore per cui si applica il diritto al ripensamento, sempre che tu non abbia stipulato un contratto con partita iva.
      Il termine è di 10 gg. se il venditore ti ha informato del diritto di recedere esercitando il ripensamento, altrimenti il termine è di 60gg.
      Saluti
      Antonio

  92. Buonasera, ho stipulato telefonicamente un contratto con 3 e vorrei recedere. Entro 10 GG arrivera’ un telefono e la SIM. Posso annullare tutto in anticipo o devo ritirare il pacco e disdire in seguito? Il problema e’ che al momento non ho un numero di contratto ma solo un numero di pratica. Se non ritiro il materiale come posso conoscere il numero di contratto da citare nella raccomandata di disdetta? Grazie in anticipo per la risposta.

    1. Salve Sergio,
      nella raccomandata di disdetta inserisca i dati personali dell’intestatario, compreso il codice fiscale e il giorno in cui è avvenuta la registrazione telefonica. Non occorre inserire il numero di contratto ma deve inserire i riferimenti normativi della legge per il diritto al ripensamento e indicare che si tratta di disdetta per l’esercizio di tale diritto .
      La merce può rifiutarsi di riceverla dal corriere così viene rimandata indietro senza sostenere altre spese.
      Il termine per esercitare il diritto al ripensamento è di 10 gg. lavorativi dalla registrazione avvenuta per telefono.
      La normativa sopra descritta si applica se lei ha stipulato un contratto residenziale e non con partita iva.
      Per altre informazioni ci contatti
      Saluti
      Antonio

  93. Salve tra poco mi scade la promozione dei 2 anni con infostrada vorre passare a Vodafone ma i 45€ di disattivazione non bisogna pagarli?(vedi legge Bersani); e per cambiare operatore devo aspettare proprio il giorno dopo dalla scadenza del contratto x paura di penali?

    1. Salve,
      la scadenza riguarda la promozione non il contratto che ha durata illimitata per cui superato il periodo della promozione può cambiare operatore senza incorrere in penali.
      Infostrada non applica 45€ per i costi di migrazione ma 35€ come può verificare sulla pagina istituzionale di infostrada.
      I costi di disattivazione non bisogna pagarli secondo il Decreto Bersani ma successivamente sono intervenute delle Delibere che hanno fatto in modo di ritenerli legittimi.
      Infatti il link alla pagina di Infostrada sopra indicato elenca i costi di disattivazione pubblicati in ottemperanza ad una Delibera dell’Agcom.

      Per cambiare operatore può utilizzare la procedura telematica tramite il sito trovatariffe: le basta comunicare il codice di migrazione e i dati personali dell’intestatario della linea.
      Per altre informazioni ci contatti
      Saluti
      Antonio

  94. Salve, ho compilato la proposta per fastweb J@Y online, ma ripensandoci, non voglio abbonarmi con loro, e voglio rimanere con TELECOM. devo mandare entro 10 gg Fax e A/R anche se non ho spedito la proposta accettata? non devo pagare penale, vero? grazie

    1. Salve,
      la procedura telematica vale come contratto stipulato fuori dai locali commerciali, sempre che lei non abbia un contratto con partita iva, per cui ha dieci gg. di tempo entro cui effettuare il recesso esercitando il diritto al ripensamento in base alla normativa del codice al consumo art.64 del Decreto Legislativo n°206 del 2005.
      Il recesso deve essere esercitato inviando una raccomandata a/r senza che lei sostenga spese aggiuntive, penali ecc.per la chiusura del contratto.
      Conservi la ricevuta della racc. e una copia della lettera come prova dell’esercizio del diritto in un eventuale contestazione.

      Saluti
      Antonio

  95. Ho stipulato un contratto Home Pack (Sky+Fastweb) il 31 marzo.
    Sky ok dopo 15 gg, dopo 4 mesi Fastweb ancora niente
    Mille chiamate a operatori, mail e facebokk mi hanno permesso di ricostruire questa situazione:
    Fastweb non ha potuto attivare servizio perchè telecom ha rifiutato la nuova linea per problema tecnico che credo inesistente
    Poi telecom mi richiama per proporre linea flat
    La pratica scorretta di cui è accusata da tempo, anche con la recentissima causa di Vodafone
    Se io volessi tentare la strada di attivare online tramite telecom per poi disdire nei 10gg sperando di avere la nuova linea da usare per fastweb, quale scenario potrebeb aprirsi?
    Grazie

  96. ho stipulato un contratto online con fastweb,per due portabilità,che prevedeva anche due terminali samsung galaxi i quali però non sono mai giunti a destinazione perchè il corriere a cui fastweb ha dato l’incarico(tnt)a me non li ha mai consegnati anche se a loro risultava consegna avvenuta con tanto di mio nome ovviamente falsificato sul loro modulo.provvedevo subito a fare querela e spedivo copia a fastweb la quale mi dice che loro sono a posto e non spediranno altri terminali,sono passati 50 giorni è possibile disdire il tutto?o come mi devo comportare?

  97. Ho fatto richiesta di passaggio ad infostrada absolute adsl in data 17/01/12 e inviato recesso in data 19/01/2012 con racc. a/r ricevuta da loro il 25/01 anticipato via fax il 18/1 dopo varie telefonate per bloccare la procedura mi dicono che va avanti in modo automatico, comunque invio il 28/01 un fax al 187 per bloccare la procedura. oggi 252 mi chiama telecom per il rientro dicendomi che mi saranno addebitati 96,80 euro per il rientro. Prendo tempo per sentire Infostrada che mi dice che sarà tutto regolarizzato entro una settimana e che non è dovuto nulla anche a Telecom.
    Vi chiedo: il contratto e le sue condizioni mai perfezionate avendo esercitato il diritto di recesso entro i 10 gg sono nulle?
    Sono dovuti i 96,80 euro a telecom?
    la linea è stata attivata il 01/02/2012 ed è tuttora con infostrada. Quale è la procedura in questi casi?
    Grazie per la risposta.

  98. MICHELE DA CENTO

    Chiedo un’informazione:
    mi ha chiamato un’operatore telefonico offrendomi un contratto con la tariffa per sempre con telefonate 24 su 24 e ADSL 24 su 24 ad un costo per sempre.
    Chiedo, ma che valore ha in un contratto la dicitura per sempre ? , vuol dire a tempo indeterminato?
    E’ mai possibile che la tariffa possa rimanere per 20/30 anni ed oltre uguale?
    Dove può essere la fregatura?

    1. Salve Michele,
      confermo che sono diverse le promozioni per sempre attualmente prorogate come puoi verificare anche sul nostro portale.
      In pratica sono una rimodulazione del costo delle tariffe tanto è vero che ai vecchi abbonati sono stati dati gli stessi sconti.
      Generalmente le tariffe subiscono un aumento legato al costo della vita ogni due o tre anni e l’operatore ha l’obbligo di comunicare la variazione ai propri clienti per dargli il diritto di poter recedere entro 30 gg. grauitamente.
      E’ una procedura prevista dalla legge.

      Se sei in procinto di abbonarti ti informo che tale procedura la puoi fare on line dal portale trovatariffe.
      Dalla pagina del modulo accedi ad un breve questionario finalizzato a mostrare un preventivo dei costi con ogni abbonamento.
      Proseguendo dai link accedi alla pagina di ogni operatore dove trovi le istruzioni per completare il passaggio avendo sotto mano il codice di migrazione e i dati personali dell’intestatario della linea.
      Per altre informazioni contattaci.
      Saluti
      Antonio

  99. Salve, vorrei porre alla vostra attenzione ciò che mi stà accadendo, sperando che possiate consigliarmi nel modo più corretto.
    Il 28 marzo 2012 ho mandato raccomandata con ricevuta di ritorno a Teletu per disdire il mio contratto adsl+voce .E’ stata regolarmente ricevuta il 4 aprile 2012.Dopo pochi giorni mi chiama un operatore di Tele tu chiedendomi di restare loro cliente e facendomi una promozione per un altro anno.Pensavo che l’offerta fosse allettante,così gli dico che accetto e iniziamo la registrazione telefonica del contratto,ma mentre l’operatore mi stà leggendo il contratto noto delle clausole ingannevoli,così interrompo l’operatore e gli dico di non voler accettare il contratto.Sembra tutto concluso, ma dopo pochi giorni visitando il sito internet dellla compagnia,noto che mi è stato attivato un nuovo contratto con una nuova promozione della durata di 2 anni.Chiamo il call center e chiedo chiarimenti, gli operatori mi dicono che ho accettato il contratto e che quindi c’è bisogno di una nuova disdetta.
    Inizio a mandare e-mail di protesta ed a tempestare di telefonate gli operatori di teletu,fino a quando finalmente vengo contattato da un dirigente che mi dice che hanno ascoltato la registrazione e che avevo ragione io.In pratica non avevo accettato il nuovo contratto,quindi a breve mi avrebbero chiuso il contratto.
    Nonostante quello che mi hanno detto ogni mese continuavo a ricevere le bollette e della chiusura nemmeno l’ombra.Così trascorsi 30 giorni da quando teletu aveva ricevuto la raccomandata ,non ho più pagato le bollette successive.L’ultima bolletta pagata è del 27 maggio 2012 con periodo di riferimento dal 2 marzo al 2 maggio,dopo di questa sono arrivate altre 2 bollette una di 69 € ed un altra di 33€ che non ho pagato,e finalmente mi hanno chiuso il contratto.Ultimamente però (4 novembre 2012) mi è arrivato un sollecito di pagamento da parte della GE.RI società di riscossione crediti per conto di Tele tu che pretende il pagamento delle due bollette aumentato degli interessi di mora e delle spese di pratica per un totale di 128€.
    Secondo voi,io devo pagare le bollette, oppure trascorsi 30 giorni dal ricevimento della raccomandata di disdetta non sono più tenuto al pagamento delle bollette?
    Grazie per l’aiuto,ciao.

    1. Salve Giulio,
      se le è stato addebitato nella fattura di Teletu il canone mensile di abbonamento e il traffico telefonico lei ha il diritto ad opporsi alla richiesta della società di recupero crediti motivandola con l’avvenuta risoluzione del contratto il 4 aprile.

      Alleghi la copia della ricevuta della racc. della disdetta alla lettera che deve inoltrare alla società per contestare il loro credito che non si basa su nessun titolo dato che decorsi 30 gg. dalla risoluzione il contratto è chiuso.

      Se le hanno addebitato i costi della migrazione questi vanno pagati perchè avrebbe potuto contestarli davanti al co.re.com solo nei confronti di Teletu.
      Per altre informazioni ci contatti se invece vuole sottoscrivere un nuovo abbonamento può utilizzare il nostro servizio di simulazione dei consumi ed abbonarsi on line.
      Ciao
      Antonio

  100. Giuliano Bruni

    Ho dato le dimissioni da telecom lunedì 15 ottobre via telefono, mi hanno risposto che mi chiamavano dopo 3 giorni al cellulare. mi hanno chiamato dopo 3 giorni dicendomi che in altri 3 giorni staccavano la linea, ma tuttora funziona. quali sono i tempi per staccare la linea?

    1. Salve Giuliano,
      generalmente entro 30 gg. dalla richiesta di cessazione della linea si perfeziona la procedura del distacco.
      Infatti anche la fatturazione terrà conto dei 30 gg. come prescrive la normativa.

      La richiesta di cessazione tuttavia, è sempre meglio comunicarla tramite raccomandata perchè la ricevuta è una prova documentale per eventuali contestazioni.
      Saluti
      Antonio

  101. Ho eseguito il contratto con operatore al telefono il 3 ottobre, mi hanno attivato oggi 17 ottobre fonia e adsl (mi è arrivata conferma via sms), ma se volessi disdire i 10 giorni da quando partono ??
    Saluti

    1. Salve Tommaso,
      la decorrenza dei 10 gg. varia in base alle condizioni contrattuali che stabiliscono quando si ritiene concluso il contratto.
      Solo Fastweb prevede il ripensamento dall’attivazione dei servizi mentre gli altri operatori fanno decorrere i 10 gg. dalla stipula del contratto, attraverso la registrazione telefonica o via web.
      Saluti
      Antonio

  102. Salve
    Ho attivato un’offerta infostrada all inclusive come operatore unico passando da Telecoma loro il 03/10/2012.
    Poi ci ho ripensato e dopo diverse telefonate ad infostrada mi consiglano di fare un disdetta per iscritto con raccomandata e ricevuta di ritorno citando la legge sul ripensamento, la raccomandata la faccio il 04/10/2012 che è arrivata ad inostrada il 09/10/2012, solo che mi rendo conto di non aver specificato l’intezione di voler restare con telecom, quindi ne faccio un’altra giorno 05/10/2012 con questa indicazione che arriva ad infostrada l’ 11/10/2012.
    La linea ADSL viene staccata il 10/10/2012 e collegata ad infostrada e la line telefonica risulta non più con telecom dal 12/10/2012.
    Gli operatori infostrada mi spiegano che oramai anche avendo esercitato il diritto di recesso comunque la procedura è già avviata e quindi non posssono fermarla e che al termine loro provvederanno al rientro in Telecom e senza dover pagare loro penali o altro solo che la telecom mi addebitara’ i costi di rientro e io poi potrò chiedere ad infostrada il rimborso per quanto pagato a telecom.
    Ora comunque dopo che io avevo avvisato la telecom di non staccare la linea poichè mi ero avvalso con infostrada del diritto di ripensamento mi stanno chiamando, da Telecom, per dargli i codice di migrazione per fare il rientro con loro attivando un nuovo profilo telefonico, da loro proposto, per evitare di dover pagare i costi di rientro in telecom.
    Detto ciò vi chiedo secondo voi devo credere a ciò che mi dice infostrada ed aspettare che loro facciano tutto o credere alla telecom ed attivare un nuovo profilo?
    O se mi conviene chidere delle spiegazioni per iscritto ad infostrada sui tempi e modi di rientro in Telecom e caso mai inviare una comunicazione per conoscenza agli organi preposti tipo Co.Re.Com.?
    Vi ringrazio in anticipo per il tempo che potrete dedicarmi. Grazie

    1. Salve Luca,
      con il diritto al ripensamento si ripristina la situazione esistente in precedenza ed è a carico di infostrada.
      Se la Telecom le conserva il numero di telefono senza procedere ad una nuova attivazione può comunicare il codice di migrazione, abbreviando i tempi del rientro in Telecom.
      Chieda comunque delle spiegazioni scritte ad Infostrada, è la soluzione migliore, non so però quali siano tempi della risposta in questi casi.

      Interpellare il Co.re.com prima che si sia verificato un disservizio non è una soluzione praticabile.
      Ci faccia sapere come si evolve la situazione.
      Saluti
      Antonio

  103. Ho attivato con operatore un contratto con Infostrada che ha durata 2 anni, ora vorrei cambiare operatore ma sul contratto da me firmato all’art. 15.1 riporto testualmente:”il presente contratto ha durata indeterminata dalla data di attivazione del servizio”. quindi c’è una contraddizione tra quello che afferma l’operatore da me interpellato e il contratto; inoltre riporto che all’art. 15.3 :”..nel caso in cui il cliente receda anche tramite un terzo operatore gli verrà addebitato un importo pari ai costi di disattivazione….€ 40,00…” . Ho tre domande da fare: 1)devo la somma di euro 40,00 comunque anche se, come dicono loro, mi scade il contratto? 2)Se ha durata illimitata xchè scade e perchè modificano l’importo da pagare?
    Ringrazio anticipatamente

    1. Salve Pietro,
      le condizioni contrattuali sono spesso soggette a delle modifiche, infatti alcuni anni fà i contratti erano di durata biennale a rinnovo automatico alla scadenza mentre oggi quasi tutti gli operatori stipulano contratti a tempo illimitato.
      L’operatore che ha interpellato credo sia rimasto alle vecchie condizioni e comunque lei deve riferirsi al suo di contratto.

      La somma richiesta varia in base al tipo di disdetta che effettua: per il passaggio di operatore le viene chiesto l’importo di 40€ e questo per il contratto di durata illmitata è sempre dovuto tuttavia ci sono delle Delibere dell’Autorità che possono essere prese come riferimento per contestare tali costi seguendo la trafila del ricorso al Co.re.com.
      Per il caso di cessazione della linea e conseguente perdita del numero telefonico l’importo con infostrada è di 65€.
      I costi di disattivazione sono approvati dall’Autorità e pubblicati sul sito dell’operatore sotto la voce trasparenza.
      Se le venissero addebitati in fattura importi difformi da quelli previsti nelle tabelle pubblicati sul sito li deve contestare.
      Saluti
      Antonio

  104. Salve, ho un quesito da porvi. Avevo fatto via web la richiesta di stipula di un contratto con infostrada. In data 24 settembre invio la proposta di contratto adsl e voce (all inclusive L) via fax ad infostrada. Un paio di giorni dopo ricevo conferma del contratto sottoscritto ma scopro che il tipo di servizio voce offertomi è VoIP, e quindi con tutte le limitazioni del caso. In data 1 ottobre mi viene distaccato la linea adsl di telecom ma non ancora la linea voce. Decido quindi di usufruire del diritto di recesso ed in data 3 ottobre invio raccomandata A/R che viene ricevuta correttamente in cui chiedo di esercitare il diritto di recesso e di rientrare in Telecom. A tutt’oggi la linea ADSL ancora non è stata liberata da infostrada e Telecom non mi può riattivare il servizio ADSL se ciò non avviene. Quanto tempo hanno per effettuare questa operazione? Posso in qualche modo accelerare la cosa?? Ho già fatto più telefonate ma nessuno mi ha saputo o voluto rispondere.
    Vi ringrazio per l’attenzione.

    1. Salve Domenico,
      la tempistica è di circa 30 gg. dall’esercizio del diritto al ripensamento che coincide con il periodo entro cui l’operatore deve procedere nell’attivazione del servizio.
      Conservi la ricevuta della raccomandata nel caso sorgessero delle contestazioni.
      Saluti
      Antonio

  105. Salve, ho stipulato un contratto telefonico per adsl e voce con Fastweb verso il 12 settembre 2012, mi hanno richiamato quelli di fastweb e mi hanno detto che il mio gestore Telecom non può fare la migrazione del numero perchè ho un contartto adsl con altro operatore (vero è Tiscali) del quale io non ho fornito il codice di migrazione. Se non lo fornisco il codice posso recedere dal contratto con fastweb automaticamente? O devo pagare delle penali?

    1. Salve Riccardo,
      per recedere da Fastweb può esercitare il diritto al ripensamento il cui termine di 10 gg. decorrono dall’attivazione dei servizi, come stabilito nel contratto di Fastweb. Dato che non è stato attivato nessun servizio si potrebbe parlare addirittura di revoca dell’accettazione del contratto ma è meglio non complicare la situazione.
      Deve mandare una raccomandata a/r per esercitare il diritto al ripensamento il cui modello può scaricare dal portale trovatariffe.
      Chi esercita il diritto al ripensamento non sopporta nessun costo di recesso.
      Saluti
      Antonio

  106. Bongionro,
    il 27 settembre 2012 ho aderito on line all’ offerta “Absolute ADSL” di infostrada.
    Non ho inviato ad infiostrada nessun documento cartaceo firmato ma solo compilato e aderito on line.
    oggi 04 ottobre la mia adsl è passata da Telecom ad Infostrada con notevoli limitazioni sulla banda di navigazione pertanto ho deciso di avvalermi del diritto di recesso entro i 10 gg come previsto.

    Visto che da infostrada ho ricevuto per mail solo la “proporta di contratto” che non ho ancora inviato firmata, nel moduo che invierò domani con raccomandata A.R. ad infostrada quale data di stipula del contratto devo inviare? Quella della proposta on line cioè il 27 settembre?
    Cordiali saluti

    1. Salve Marianna,
      La data da indicare per esercitare il diritto al ripensamento è il 27 settembre, giorno in cui ha concluso il contratto on line. I 10 gg. per inviare la raccomandata non sono ancora decorsi per cui si affretti!!
      La lettera del diritto al ripensamento può scaricarla dal portale trovatariffe ed inviarla tramite raccomandata a/r anticipandola via fax se vuole
      Saluti
      staff

  107. Salve ,
    ho attivato nel mese di luglio un ofertta ADSL e telefono, con chiamate nazionali verso i fissi senza limiti, chiamate internazionali: 1 ora/mese verso fissi gratis e 1ora/mese verso cellulari al prezzo dei nazionali, da Telecom, ofertta attiva dal 06 luglio. Ma 2 giorni fa, ricevendo anche dal vecchio gestore Teletu una bolletta, chiamando a Telecom mi e stato detto che loro mi assicurano solo le telefonate e non la linea ADSL.Allora ritengo che l’offerta non è più valida e che non devo pagare la boletta Telecom di 181 euro perche io non ho usufruito dell’ ofertta ADSL+telefono e vorrei rientrare in Teletu. Volevo informazioni in merito al mio problema ed eventuali soluzioni grazie.

    1. Salve Annamaria,
      in questi casi bisogna essere cauti prima di muovere ogni passo.
      Io le consiglio di accertare il motivo per cui non le è stato attivato il servizio voce e adsl con telecom.
      Non pagare la fattura anche nell’ipotesi di avere ragione la mette dalla parte del torto se prima non la contesta.
      Occorre pertanto mandare una raccomandata a/r contestando la fattura per la mancata attivazione del servizio e chiedendo i motivi della loro mancata attivazione. Telecom è tenuta a risponderle.

      Potrebbe anche essere che Teletu abbia fatto ostruzionismo nel lasciare la linea e questo rientra tra i casi sanzionati dall’Autorità.
      Io le consiglio di inviare alla stessa Teletu la raccomandata contestando la fattura e chiedere come mai non abbiano rilasciato la linea.

      Se nelle risposte che ottiene non le viene accettata la contestazione oppure scaricano sull’altro operatore la responsabilità del disservizio deve rivolgersi al co.re.com per chiedere il rilascio della linea da parte di Teletu e un indennizzo per il disservizio ricevuto.
      Per altre informazioni su come procedere ci contatti anche per email a info@trovatariffe.it
      Saluti
      Antonio

  108. Salve,ho stipulato un contratto con teletu nel novembre del 2011 per 2 anni; vorrei recedere dal contratto e chiudere sia la linea telefonica che l’adsl però senza passare a nessun operatore.Ho provato a chiamare il servizio clienti e loro mi dicono che dovrei pagare i costi di disattivazione di 70 euro ( però mi pareva di ricordare che nella promozione nel caso di recesso anticipato c’era una penale di 79 euro ).C’è la possibilità di non pagare questi costi di disattivazione ( o penale ) trascorso 1 anno dal contratto ?? ( anche se la scadenza contratto è di 2 anni )

    1. Salve Marco,
      la disattivazione della linea senza passaggio ad altro operatore ha un costo fisso indipendentemente dalla durata contrattuale e gli importi sono fissati dall’operatore sul sito istituzionale sotto la voce trasparenza.

      Non è possibile avere ragione nel contestare i costi perchè sono un rimborso delle spese sostenute dall’Operatore per chiudere la linea telefonica.
      Ti verranno addebitati anche le rate residue dell’attivazione del servizio, 48€ rateizzati in due anni per 2€ al mese.
      Saluti
      Antonio

  109. Salve ,io ho stipulato un contratto con teletu il 6 settembre 2012.Il 17 settembre hanno attivato il servizio adsl tra l’altro fatiscente…posso fare la disdetta senza andare incontro a spese di rescissione?….tra l’altro non ho ancora effettuato il bonifico corrispondente al costo d’attivazione…aiutatemi …grazie!

    1. Salve Andrea,
      il diritto al ripensamento è esercitabile entro 10 gg. dalla conclusione del contratto e vale nel tuo caso dal giorno della stipula. Facendo i conti credo che sia scaduto il 20 settembre.
      Anche se non hai fatto il bonifico il contratto è valido.
      Potresti chiedere la rescissione del contratto se la tua connessione non rispetta la banda minima garantita. In questo caso dovresti usare il programma ne.me.sys per testare la linea, fare reclamo formale a Teletu e se dopo 30 giorni permane la situazione precedente hai diritto di risolvere il contratto solo adsl senza pagare i realtivi costi.
      La spesa che ti verrebbe addebitata nel passaggio di operatore è il costo di disattivazione per la voce.
      Saluti
      Antonio

  110. Dopo 4 giorni dall’attivazione ho mandato a Fastweb la raccomandata A/R per disdetta e rientro in vecchio operatore, ora via telefono mi dicono che devo pagare 140€.
    Cosa devo fare? Grazie

    1. Salve Giacomo,
      lei ha rispettato il termine per esercitare il diritto al ripensamento che con Fastweb sono di 10 gg. dall’attivazione del servizio.
      Nella lettera della disdetta doveva fare riferimento che si trattava di esercitare il diritto al ripensamento.

      Per telefono non possono chiedere il pagamento dei costi di disattivazione per cui lei adesso non deve dare ascolto a quanto hanno detto.
      Se le arriva la fattura con l’importo di 140€ contesti con raccomandata dichiarando di aver esercitato il diritto al ripensamento e alleghi come prova una copia della vecchia raccomandata da cui si desume la data di quando è stata inviata.
      Saluti
      Antonio

  111. Buongiorno, il 23/11/11 mi hanno attivato una linea internet Joy fastweb, l’1/12/11 ho mandato raccomandata con ricevuta di ritorno (entro 10 gg lavorativi) per dare disdetta per problemi tecnici (la linea funzionava malissimo). Dopo varie telefonate e richieste di spiegazione, ECR mi chiede di pagare 159,84 euro di disdetta e di 2 mesi dei servizio.
    Che devo fare?
    Grazie in anticipo!

    1. Salve Enrico,
      lei ha esercitato il diritto di ripensamento nelle forme stabilite dalla legge pertanto contesti la richiesta della società di recupero crediti allegando la fotocopia della raccomandata del ripensamento.
      Per altri chiarimenti ci contatti.
      Saluti
      Antonio

  112. Buongiorno,
    …vado direttamente al finale!
    Il 31/7 u.s. ho fatto la conciliazione (con idennizzo…) presso il Corecom Toscana per una controversia con Vodafone.
    Per Vodafone il ritardo per il mancato rientro in T.I. (dopo circa 3 mesi) è stato dovuto alla mancata richiesta del codice di migrazione, che doveva essere espressamente indicato attraverso la lettera di diritto di ripensamento inviata entro 10 gg. lavorativi(!?).
    E se avessi deciso di non avere più il telefono fisso?
    Ho qualche dubbio in merito al comportamento di Vodafone!
    Grazie anticipatamente per la risposta.
    Mario.

  113. Salve ho attivato nel mese di maggio 2012 via telefono un contratto di telefonia fissa e ADSL con Wind infostrada e successivamente dopo appena 5 giorni dalla telefonata esattamente giorno 16 maggio ho inviato tramite racc ar richiesta di disdetta esercitando il diritto di recesso e di rientrare in Telecom. Ad oggi 25 Luglio dopo diversi solleciti richiesti telefonicamente non sono ancora riuscito a rientrare in Telecom, premetto che ad oggi Wind infostrada mi assicura solo le telefonate e non la linea ADSL con notevoli disservizi dovuti all’impossibilita di navigare in internet. Volevo informazioni in merito al mio problema ed eventuali soluzioni grazie.

    1. Salve Giovanni,
      se ha esercitato il recesso come diritto al ripensamento citando le disposizioni in merito, può promuovere un tentativo di conciliazione davanti al Co.re.com della sua regione per ottenere il passaggio in telecom e soprattutto un indennizzo per il ritardato rientro.
      La domanda la deve presentare compilando due formulari UG e Gu5. Quest’ultimo è da compilarsi per la mancata liberazione della linea a seguito della disdetta del cliente. In circa 15 gg. dovrebbe ottenere un provvedimento a lei favorevole.
      La Delibera che tratta degli indennizzi è la n.73/11/Cons che non contempla espressamente il suo caso ma lascia aperta la possibilità nell’art.12 di regolare i casi simili.
      Saluti
      Antonio

  114. Salve. Cercherò di riassumere al massimo. Ad inizio dicembre 2011 ero cliente Fastweb. Sono stato contattato da teletu e ho accettato la loro offerta. 2 giorni dopo sono stato ricontattato da Fastweb che m’ha fatto una controfferta indicandomi il diritto di ripensamento verso teletu entro 10 giorni tramite raccomandata a/r. Accettata la controfferta ho spedito la raccomandata regolarmente ricevuta da teletu che nonostante tutto è andata avanti con l’attivazione del servizio. Ciò ha causato la disattivazione del vecchio contratto di fastweb che non ha più dato seguito ai nuovi accordi e alla disattivazione di teletu nei primi giorni di gennaio. In questo lasso di tempo ho staccato il router per evitare che si connettesse alla linea attivata da teletu. a inizio febbraio ricevo una fattura di teletu con 2 euro di consumi e poco dopo una fattura di circa 50 euro per costi di disattivazione. Io chiaramente nn ho pagato attendendo che mi chiamassero o che mandassero un sollecito sperando in un errore (dato che senza un codice cliente valido è impossibile contattare l’operatore in questione). Oggi sono stato contattato da un numero privato che mi diceva di contattare subito lo 0705378330. Dopo svariati tentativi trovando sempre occupato, ho fatto una ricerca su google e ho scoperto che è una società di recupero crediti di cui si serve teletu. Non avendo altre pendenze sono sicuro si tratti di loro. Cosa devo fare per tutelarmi da questi accattoni? può servire mandare un’ulteriore raccomandata a/r a teletu con fotocopia della raccomandata di dicembre intimandoli di ritirare il mandato agli strozzini riguardo la mia pratica?

    1. Salve Luca,
      lei può opporre alla società di recupero crediti l’avvenuto ripensamento. Il codice civile infatti stabilisce che a seguio della cessione del credito il debitore ceduto può opporre al cessionario le stesse eccezioni che poteva opporre al cedente. Le eccezioni che possono essere fatte valere sono la nullità del contratto, i fatti estintivi modificativi del rapporto obbligatorio ecc.

      Pertanto invii una raccomandata alla società di recupero crediti allegando la copia del recesso per ripensamento e contestando il credito vantato dalla società.
      Accerti poi la sua posizione attuale con teletu e nel caso promuova un tentativo di conciliazione chiedendo un indennizzo in base all’art.12 allegato alla Delibera n°73/11/Cons,

      Saluti
      Antonio

  115. ….a pezzi scrivo questa mia.Dimenticavo , giusto x chiarezza, alla chiusura non intendero passare ad altro gestore di linea fissa ma prenderò solo una pennetta adsl quindi chiudendo tutto… adsl e voce.Mi necessita solo linea adsl e BASTA.
    grazie mille

    1. Salve Massimo,
      i costi di disattivazione per la cessazione della linea fissa sono dovuti e stabiliti discrezionalmente, purtroppo, dall’operatore. Gli importi sono pubblicati sul sito aziendale per effetto di una Delibera dell’Autorità ed evenutali difformità che dovesse riscontrare con quelli addebitati in fattura li deve contestare.

      Se ci sono state modifiche delle condizioni del suo contratto, per legge Infostrada è tenuta a comunicarle al cliente, solitamente avviene con l’invio della fattura, il quale ha diritto di recedere senza sostenere costi di disattivazione per il passaggio oppure le spese di chiusura se recede entro 30 gg. dalla comunicazione.

      Non sono previsti sconti di spese di chiusura per l’acquisto di chiavetta internet dallo stesso operatore.
      Saluti
      Antonio

  116. …..dimenticavo un particolare, ora che chiudo il rapporto con loro iniziato nel 2008, prenderò dopo una pennetta che mi agevoli nei costi ma non so quando lo farò.cambia qualcosa per questa presunta spesa di chiusura che loro chiedono?
    Grazie

  117. Salve nel 2008 ho cercato tanto un gestore che avesse una richiesta per adsl bassa ed ho trovato fra i tanti,infostrada che promuoveva come adsl una absolute adsl + voce con promozione iniziale ad €14,57 al mese per 1 anno trascorso il quale sarebbe passata ad €29,95 al mese con vincolo per 2 anni e mi andava bene tant’è che ho sottoscritto il contratto on line.
    Ad oggi sono ancora con loro ma da circa 1 anno a questa parte le bollette sono cominciate a salire prima di 1 € poi a seguire poco piu di 1€ fino a che oggi da che pagavo neanche 60€ a bimestre, l’importo è schizzato a poco piu di € 67, dunque per me non piu sostenibile.Ho chiamato infostrada per avere delucidazione per disdettare quindi chiudere il rapporto e mi dicono che debbo pagare una sorta di spese di chiusura appunto,pari a ca 65€.Le chiedo è veritiera questa richiesta? e poi avendo pagato l’ultima bolletta qualche gg fa, se faccio la chiusura oggi, cosa mi addebiteranno per il servizio rinnovato da poco,oltre questi 65€?
    Mi chiedo se questa pratica di richiedere le spese di chiusura rapporto è una cosa che chiedono tutti i gestori o no! come mai pur chiedendolo per telefono all’inizio ti dicono , come mi fu detto, che non avrei dovuto corrispondere nulla per una futura chiusura?
    Non è una truffa? ma come la dimostri?
    Grazie per le risposte.
    Cordialmente, Massimo.

  118. Salve, ho da sempre una linea telefonica Telecom con abbinato un contratto ADSL.
    Oltre a ciò avevo anche una bolletta Wind per la fonia, senza preselezione automatica.
    A inizio giugno sono stato contattato da Wind per mettere la preselezione automatica e risparmiare il canone. Ho espresso i miei dubbi perchè non volevo disdettare il contratto ADSL con Alice. Dopo circa un’ora di rassicurazioni da parte di vari tecnici e responsabili di livello superiore, faccio la registrazione per ciò che riguarda il solo contratto Voce. L’11 giugno smette di funzionare l’Adsl. Chiamo il 187 e mi dicono che sono passato a Wind anche con l’Adsl. Chiedo come fare per ripristinare la cosa e mi suggeriscono di esercitare il diritto di recesso. Faccio immediatamente un fax a Wind, esercitando questo diritto e, contestualmente, ne faccio uno a Telecom, segnalando la cosa, comunicando che ho mandato la richiesta di recesso a Wind, e chiedendo di rientrare immediatamente in Telecom. Subito dopo, ho preparato una lettera con la stessa richiesta di recesso e l’ho spedita con Racc. AR. Wind che l’ha ricevuta il 13. Sono passati 20 giorni e non accade nulla. Ancor peggio, da Telecom non sanno dirmi se quello che ho fatto sia sufficiente o se devo chiedere il codice di migrazione e con questo chiedere a loro il rientro. Cosa devo fare?

    1. Salve Alberto,
      lei ha esercitato il diritto al ripensamento relativamente al servizio della preselezione automatica e solitamente i tempi per ritornare allo status precedente è di 30 gg.
      Se le hanno attivato un servizio non richiesto ha anche diritto a chiedere un indennizzo alla società.
      Se nell’arco di 30 gg. Infostrada non procede con la sua richiesta può esperire un tentativo di conciliazione presso il Co.re.com della sua regione indicando anche l’importo per cui chiede l’ìndennizzo calcolabile compilando il modello alla pagina https://www.trovatariffe.it/modulistica
      Saluti
      Antonio

  119. Ho da poco fatto il passaggio da wind/infostrada a Vodafone. Attivazione valida dal 27 aprile, quel giorno mi hanno telefonato dalla vodafone e ho staccato il vecchio collegamento wind per far passare tutte le telefonate sulla vodafone station.

    Mi è arrivata una bolletta della wind che mi chiede un pagamento fino al 7 maggio e 35 euro di costo di migrazione.
    Ho chiamato alla vodafone che mi hanno confermato l’attivazione al 27 aprile, infatti a loro risultano le telefonate fatte, e mi hanno detto che il costo della migrazione è a carico loro e che è stato già pagato altrimenti non ci sarebbe stata la migrazione.
    Ho chiamato la wind per chiedere spiegazioni e un operatore mi ha detto che la fine del contratto al terminale risulta dal 7 maggio, e che la migrazione è a carico dell’utente e che la vodafone non può aver pagato e non può pagare. Per la questione della fine del contratto (24 aprile o 7 maggio) devo inviare una lettera alla casella postale wind con una copia della prima fattura di vodafone.

    Volevo chiedere

    come è possibile che se una legge dice che non ci sono penali da pagare per una migrazione dopo due o più anni la wind possa permettersi di farla pagare

    chi deve pagare la migrazione?

    come faccio a dimostrare che effettivamente ho usufruito del servizio dal 27 aprile?

    1. Salve Paola,
      la migrazione non la paga Vodafone e se le dicono per telefono il contrario si faccia fare una dichiarazione scritta da parte dell’operatore altrimenti è una pratica scorretta e ingannevole.

      I costi del passaggio, definiti costi di disattivazione, sono da mettere in correlazione alla lavorazione del recesso. Per non essere tenuto al pagamento dovrebbe contestarli all’operatore con raccomandata a/r facendo riferimento alle normative quali il decreto Bersani e le linee guida della Direzione tutela dei consumatori dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.
      Nel caso non le venisse accolto il reclamo può promuovere un tentativo di conciliazione davanti al co.re.com.
      Per la fatturazione di infostrada oltre i termini può, con la stessa lettera in cui invia la copia della fattura di vodafone, chiedere il rimborso per il periodo dal 24 aprile al 7 maggio.
      Saluti
      Antonio

  120. Salve, ho un contratto con infostradawind dal 24 marzo 2010, per variazioni contrattuali avevo fatto disdetta di recesso senza penale in data 11 dicembre 2010 succesivamente a tale data venivo contattato telefonicamente e mi veniva offerta un ulteriore offerta che io accettavo, trascorso un anno l’offerta propostomi non e’ piu’ in essere ed ora mi trovo a pagare la tariffa per intero che non posso piu’ affrontare, sto facendo richiesta di disdetta del contratto che prevedeva 40 euro per disattivarlo, preciso che la mia era l’offerta absolute adsl e che il modem ed il telefono sono di mia proprieta’, siccome non riesco a comprendere il DL n.7/2007, vorrei chiederVi, debbo pagare la penale? e se si per quale importo?? Vi ringrazio Cordiali Saluti Maurizio

    1. Salve Maurizio.
      se recedi per cessare la linea (voce e adsl) e non avere nessun altro operatore il costo di disattivazione richiesto da Infostrada ammonta a 65€.
      L’importo è fissato discrezionalmente dall’operatore ed approvato dall’Autorità in base a quanto stabilito dal Decreto Bersani. Gli importi dei costi per la migrazione e per la disattivazione devono essere pubblicati sul sito dell’operatore per il principio di trasparenza. La pagina è visualizzabile qui

      Il modello della disdetta lo puoi scaricare dal portale trovatariffe a questo link
      Saluti
      Antonio

  121. Salve,ad ottobre ho ricevuto una telefonata da Vodafone con un’offerta vantaggiosa per adsl e telefono fisso,rispetto a Infostrada (operatore telefonico del momento)!Accetto l’offerta telefonicamente e da li a pochi giorni,avrei dovuto ricevere un’altra telefonata di conferma.Per 6 mesi non si è fatto sentire più nessuno,fino a quando,il 6 aprile,mi è stata tolta la linea telefonica e adsl.Dopo parecchie telefonate a Vodafone e Infostrata,scopro di essere in fase di migrazione!Invio una raccomandata a Vodafone per disdire il tutto……e nel frattempo ricevo l’ultima bolletta di Infostrada che mi chiede 35€ per la migrazione (mai avvenuta effettivamente) e 18.14€ per il canone absolute adsl dal 01 al 19 di Aprile!Perchè dovrei pagare fino al 19 di aprile quando la linea è stata tolta il 06 di Aprile?E i 35€ di migrazione li devo pagare,anche se ero cliente Infostrada da più di 2 anni? GRAZIE

    1. Salve Veronica,
      per risponderle bisogna accertare la sua situazione attuale con Vodafone dopo che ha esercitato la disdetta.
      Le illustro i possibili casi a cui può andare incontro:
      la disdetta entro 10 gg. dall’attivazione del servizio di Vodafone, sempre che abbia precisato nella lettera che esercita il diritto al ripensamento, comporta il rientro con infostrada senza nessun costo da corrispondere a Vodafone e di conseguenza non è tenuta al pagamento dei 35€ della migrazione. Dovrà far presente ad infostrada con una raccomandata a/r questi passaggi.

      Nel caso fossero decorsi i 10 gg. dall’attivazione del servizio, la disdetta comporta il pagamento dei costi di disattivazione con Vodafone e la cessazione del numero se non ha chiesto la portabilità. Con infostrada dovrà contestare i 35€ con raccomandata a/r motivando che si appella al
      Decreto Bersani e alle linee guida della Direzione tutela dei consumatori dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

      In questo secondo caso io le consiglierei di revocare la disdetta con vodafone, se possibile, mantenendo inalterato l’abbonamento e chiedendo un indennizzo per il ritardo nell’attivazione del servizio.
      Saluti
      Antonio

  122. Salve,
    sono un abbonato Infostrada. In data 03-05-2012 chiamo Teletu e sottoscrivo telefonicamente un abbonamento con loro.
    Il giorno dopo, 04-05-2012, richiamo Teletu per disdire l’abbonamento sempre con la procedura telefonica. Nessun problema, l’operatore mi dice che la procedura è completata.
    E’ vero o devo fare ugualmente la raccomanata o altre operazioni?

    Marco

  123. nunzia scognamiglio

    salve
    ho bisogno di chiarimenti riguardo al pagamento del costo di migrazione che stabilisce infostrada premetto che il periodo di promozione che mi avevano offerto e’ gia’ scaduto da tre mesi e allora vedendo una bolletta un po’ esosa ho deciso di cambiare con un altro gestore dando al nuovo gestore il codice di migrazione il quale mi ha riferito che provvedevano loro a tutto ora invece mi e’ pervenuta una fattura da Infostrada che oltre agli oneri che non riesco a comprendere bene cosa vogliono esser pagati ho visto la dicitura di 35 euro di costo per attivita’ di migrazione verso altro operatore cosi viene riportato!Devo pagarli? Cosa debbo fare? vi ringrazio
    anticipatamente
    saluti da Nunzia

    1. Salve Nunzia,
      per non pagare i costi del passaggio deve contestarli con raccomandata, quindi valuti se ha tempo e pazienza per seguire l’iter del procedimento.

      Le norme in base alle quali contestare i costi di disattivazione sono il Decreto Bersani e le linee guida della Direzione tutela dei consumatori dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.
      Una volta inviata la raccomandata deve ricevere una risposta di accoglimento entro 45 gg.
      Se l’operatore rifiuta il reclamo deve promuovere un tentativo di conciliazione presso il co.re.com regionale compilando il formulario UG.
      Saluti
      Antonio

  124. In data 29.11.2011 ho attivato a distanza un contratto adsl telefonia con wind, ho inviato in data 6-12-2011 racc ar per l’esercizio di ripensamento con rientro in Telecom. Solo in data 21-3-2012 e’ avvenuto il rientro in telecom. Oggi 17-4-2012 mi sono ancora pervenute fatture infostrada. Non voglio pagarle, e’ possibile? Visto che e’ trascorso cosi’ tanto tempo dal l’esercizio del diritto di ripensamento?
    saluti alberto brescia

    1. Salve Alberto,
      per non pagare le fatture deve contestarle altrimenti una società di recupero crediti verrà incaricata nella riscossione del credito maggiorato di interessi e mora.
      La contestazione deve farla presentando un formulario UG al corecom della sua regione selezionando la voce 6, Fatturazioni non giustificate, e adducendo i motivi del mancato pagamento, aver esercitato il diritto al ripensamento e allegando la prova, la ricevuta della raccomandata.
      Verrà fissata un’udienza, solitamente entro 30 gg. che darà vita ad un arbitrato e potrà far valere le sue ragioni nei confronti dell’altra parte.
      Saluti
      Antonio

  125. a casa ho un contratto con vodafone adsl + voce da più 2 anni ho intenzione di disattivarlo, quindi non pagherei la penale x la legge bersani ma passati i due anni pago comunque costi di disattivazione ?
    premetto che ho intenzioni di passare ad altro gestore sempre stipulando contratto di tipo adsl + voce, mi hanno detto che comunque si occupano loro della disdetta, come funziona in questo caso ? non devo fare davvero niente?

    1. Salve Alessandra,
      la penale era il costo che veniva applicato prima della entrata in vigore della legge Bersani che l’ha abolita per far posto al costo di disattivazione, ritenuto da molti una penale mascherata.

      Il contratto di vodafone prevede una durata biennale e superato il periodo di durata minima contrattuale il cliente che recede per cambiare operatore non è tenuto al pagamento dei costi relativi al passaggio (di 40€ ). Se le venissero addebitati ha il diritto di contestarli citando il Decreto Bersani e le linee guida della Direzione tutela dei consumatori.
      Inoltre lei diventa proprietaria della vodafone station e della relativa chiavetta che non è tenuta a restituire trascorsi 2 anni.
      Per procedere nel cambio di operatore le basta semplicemente sottoscrivere il nuovo abbonamento comunicando il codice di migrazione e l’operatore provvederà d’ufficio a contattare il suo vecchio gestore per perfezionare la pratica.
      Io generalmente consiglio per maggior tranquillità di inviare una raccomandata al vecchio gestore dopo alcuni giorni che la pratica del passaggio è in lavorazione, per comunicargli la volontà di recedere dal contratto per la “migrazione” e chiedendo la portabilità del numero.
      Sia l’abbonamento che la lettera per la raccomandata può effettuarli sul nostro portale.
      Nel primo caso dalla pagina del modulo può avere una panoramica delle tariffe con costi e promozioni. Proseguendo dai link degli operatori accede alla pagina istituzionale per poter effettuare l’abbonamento. La lettera per il recesso per cambiare operatore la può compilare dalla pagina dei modelli.
      Per altre informazioni contattaci.
      Saluti
      Antonio

  126. Giuseppe Spartà

    avevo un contratto con Teletu dal 13/11/2009.
    Nel mese di agosto 2011 sono passato a TELECOM
    Teletu, nell’ultima bolletta, mi chiede un contributo disattivazione di € 33,06 * IVA 21%.
    che non ho pagato.
    Mi fanno sollecitare da un avvocato caricandomi di ulteriuori spese e interessi di mora per un importo complessivo di € 78,28.
    Che fare?

    1. Salve Giuseppe,
      contesti i costi di disattivazione di teletu con raccomandata a chi ha in carico l’escussione del credito, sulla base del Decreto Bersani e la carta dei diritti del consumatore redatto dall’Agcom secondo cui i costi da attribuire al cliente devono essere connessi alla lavorazione del recesso secondo i principi di causalità e pertinenza.
      Saluti
      Antonio

  127. io ho disdetto dopo 2 anni un contratto con infostrada di adsl e linea telefonica e mi hanno mandato 74 euro di penale da pagare per costi disdetta devo pagare ?

    1. Salve Debora,
      se ha disdetto il contratto per cessare la linea senza cambiare operatore i costi richiesti in fattura sono legittimi solo per la somma di 65€ come stabilito sul sito di infostrada e paghi l’importo sopra evidenziato contestando la differenza , invece se ha disdetto per cambiare operatore può contestare l’importo con raccomandata a/r motivando con quanto stabilito dal Decreto Bersani e dalle linee guida della Direzione tutela dei consumatori dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.
      Per altre informazioni ci contatti,
      saluti
      Antonio

  128. Raffaele Termine

    Avendo attivato, con comunicazione telefonica un contratto con FASTWEB, mi viene chiesto
    dal precedente operatore Teledue(tel e tu) il contributo di disattivazione.
    Poichè l’attivazione del contratto con Teletu effttuato parecchio tempo fà(sulla bolletta non risulta il decorso del contratto e non essendo stato interessato alla migrazione da Teletu a tel e tu, ho chiesto la copia del contratto stipulato telefonicamente con Teletu poichè non mi fù evidenziato il contributo di recessione.Sono nel diritto di avere quanto richiesto per soddisfare la richiesta della Ge.Pi.-cordialmente

  129. Pingback: Moduli per la disdetta dei contratti adsl e telefono | Trovatariffe.it

  130. Pingback: Risponde l'esperto | Trovatariffe.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *