Il diritto di ripensamento dalle tariffe di WindTre

modelli

  logo-fastwebCasa     25,95 euro
solo per pochi giorni!!
offerta limitata! verifica la disponibilità

 logo-vodafone  Internet unlimited 
a   27,99 euro al mese
vai all'offerta

Con la fusione tra Wind Infostrada e Tre cambiano i canali di contatto dell’Azienda. 

WindTre prende il posto dei precedenti marchi nei modelli che i clienti usano quando devono esercitare il diritto di ripensamento, dismettere il servizio per risoluzione del contratto o per sopravvenute modifiche contrattuali.

Vediamo come il diritto di ripensamento possa essere fatto valere nelle modalità stabilite dall’Operatore WindTre.

Il diritto di ripensamento è una tutela data al consumatore al fine di consentirgli  di tornare indietro nell’acquisto senza sopportare i costi relativi al recesso del contratto stipulato.

La possibilità è concessa solo per i  contratti di compravendita di beni e servizi, conclusi a distanza e fuori dai locali commerciali.

Il modello di ripensamento è previsto dall’ art. 49, comma 1, lett. h) del Codice del Consumo

Canali di contatto Wind Tre

La comunicazione di recedere dal contratto può essere formalizzata fino a 14gg. successivi all’attivazione del servizio senza indicarne le ragioni e senza penalità.

La richiesta può essere inoltrata tramite uno dei seguenti canali:

lettera raccomandata A/R al seguente indirizzo: WindTre S.p.A. – CD MILANO RECAPITO BAGGIO – Casella Postale 159 – 20152 Milano (MI)

servizioclienti159@pec.windtre.it

punto vendita WINDTRE di proprietà

– chiamata al 159

Modalità di ripensamento

In base al tipo di rapporto preesistente si possono individuare tre modalità di ripensamento a cui corrispondono diverse procedure di distacco.

Nel modulo di recesso di WindTre scaricabile da qui  si deve selezionare la voce corrispondente.

  • Senza riattivazione con Telecom Italia 

 In questa modalità, in cui si proveniva da Telecom, si ha  la perdita definitiva del numero oggetto di recesso.

  • Con riattivazione del servizio con Telecom Italia 

Tale modalità è possibile solo se  la numerazione è originaria di Telecom Italia; se si opta per il Rientro in Telecom Italia, sarà WINDTRE a gestire direttamente la relativa richiesta.

  • Con portabilità verso altro operatore tramite codice di migrazione 

il Cliente deve fornire  il codice di migrazione al futuro Operatore. 

In caso di portabilità, i canoni maturati e l’eventuale traffico, sia telefonico che internet generato fino al completamento della procedura di portabilità verso l’altro operatore non saranno oggetto di rimborso e verranno addebitati secondo le condizioni previste dall’offerta scelta dal cliente.

Una situazione particolare riguarda la richiesta da parte del cliente  della prestazione del servizio  durante il periodo di recesso.

Viene considerata come una rinuncia al diritto di ripensamento pertanto in caso di recesso   WindTre addebiterà i costi relativi alla parte del canone dell’offerta relativa al periodo di fruizione del servizio e l’eventuale traffico effettuato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *