Voci di una fusione tra il motore di ricerca Yahoo e Aol

fusione-aol-yahooL’interesse all’acquisto di Yahoo è stato manifestato da alcuni manager e dalla società AOL, il più grande internet service provider.

Diverse Aziende infatti hanno espresso interesse ad una collaborazione con AOL per comprare Yahoo e l’intesa potrebbe essere allargata ad altre Imprese che si sono rese disponibili qualora venisse redatto una proposta di buyout, ossia un’operazione di investimento per cui un’azienda è acquisita in gran parte da un gruppo di manager (definito generalmente management team) che diventano manager/imprenditori. Il management team acquirente viene generalmente affiancato da un financial sponsor, tradizionalmente un fondo di private equity, che fornisce gran parte delle risorse finanziarie per l’operazione.

E’ bene sottolineare che la trattativa è in una fase preliminare, tanto che Yahoo non è stata neanche contattata e può anche non sfociare in una proposta ufficiale data la complessità della questione. La risposta degli analisti finanziari in ogni caso è stata positiva come dimostra il rialzo del titolo dopo la diffusione dei rumors e la publicazione della notizia sul Wall Street Journal.

Yahoo sotto la direzione del nuovo amministratore delegato Carol Bartz che ha sostituito uno dei fondatori Jerry Yang, dimissionario con una lauta buona uscita dopo le pressioni degli azionisti contrari alla decisione di rifiutare l’opa lanciata dalla Microsoft, ha visto molti dipendenti lasciare l’azienda e ha conseguito dei risultati che non sono stati premiati dal mercato, dimostrato dal deprezzamento progressivo del titolo.
Adesso si ripresenta un’altra opportunità per l’Azienda e il manager avrà l’occasione per dimostrare le sue capacità tenendo conto degli errori che sono stati commessi nella precedente esperienza.

L’accordo tra Yahoo e AOL sembra avere molto senso da un punto di vista strategico. Entrambi sono complementari e si caratterizzano nel fornire servizi e fonti di informazione dal contenuto originale.
Individualmente possono lottare per competere con Facebook e Google, ma uniti potrebbero contrastare l’egemonia dei colossi informatici.

Quale è la tua opinione in merito?

Lascia un commento

Register New Account
Reset Password